Navigation

Dalla Svizzera nessuna sanzione contro la Russia

Giovani attivisti di sinistra hanno manifestato oggi per imporre sanzioni alla Russia. Appello non ascoltato dal governo. Keystone / Marcel Bieri

Nessuna sanzione nei confronti della Russia. Solo una condanna per il riconoscimento delle due repubbliche secessioniste ucraine. Questa in breve la posizione del governo federale. L'esecutivo ha però precisato che che analizzerà la situazione e il modo in cui intervenire per evitare che la Svizzera venga usata come piattaforma per aggirare le sanzioni imposte dall'Unione europea.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 febbraio 2022 - 21:23
tvsvizzera.it/fra

Il riconoscimento da parte della Russia delle regioni di Donetsk e Lugansk come Stati indipendenti è un atto contrario al diritto internazionale e una violazione dell'integrità territoriale e della sovranità dell'Ucraina, sottolinea il Governo in una nota. Questa mossa, aggiunge, non ha fatto altro che acuire le tensioni.

L'Esecutivo precisa che sta seguendo l'evolversi della situazione con grande preoccupazione, poiché vi è il rischio di un'ulteriore escalation e condanna l'azione russa ritenendola un atto che viola il diritto internazionale, l'integrità territoriale e la sovranità dell'Ucraina. La Svizzera non riconosce l'indipendenza di questi territori, che rimangono parte dello Stato ucraino.

Soluzione pacifica

Il Consiglio federale sottolinea che continuerà ad adoperarsi per una soluzione pacifica del conflitto in Ucraina orientale, sostenendo gli sforzi dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) e dell'inviato speciale della presidenza dell'OSCE in Ucraina nonché l'impegno del gruppo di contatto trilaterale, per facilitare una risoluzione pacifica del conflitto.

In questo quadro, la Svizzera interviene anche per garantire che la Missione speciale di monitoraggio (Special Monitoring Mission, SMM), civile e disarmata, possa continuare a esercitare il suo mandato sul territorio dell'Ucraina.

Contenuto esterno

Sanzioni no, però...

Dopo l'annessione russa della Crimea nel 2014, l'Ue aveva adottato misure di ritorsione. La Confederazione non l'aveva seguita in base al principio che Berna le adotta unicamente se decise in sede ONU. Il Governo aveva invece deciso di prendere tutte le misure necessarie affinché la Svizzera non venisse usata per aggirare questi provvedimenti.

In questa situazione, il Consiglio federale intende muoversi allo stesso modo e analizzare i provvedimenti con attenzione prima di decidere di conseguenza. Le autorità svizzere sono in costante contatto con quelle di vari Paesi per scambiare informazioni sulla situazione attuale, conclude la nota del Governo.
 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?