La televisione svizzera per l’Italia

Da zero a cento nel Guinness dei primati

Primo piano della pilota svizzera che è entrata nel Guiness dei primati.
La pilota più veloce del mondo. Alessandro Della Bella / ETH Zurigo

Un'auto elettrica da corsa realizzata da studenti e studentesse di due istituti svizzeri è riuscita a raggiungere i 100 km/h in meno di un secondo.

È successo il primo settembre, ma solo martedì è arrivato l’annuncio ufficiale. L’auto elettrica da corsa realizzata da studenti e studentesse di due istituti svizzeri è riuscita a raggiungere i 100 km/h in meno di un secondo, esattamente in 0,956 secondi per appena 12,3 metri di percorso. I creatori di mythen – così hanno battezzato il mezzo a propulsione elettrica – sono studenti e studentesse della Scuola universitaria professionale di Lucerna (HSLU) e del Politecnico federale di Zurigo (ETH).

Il Guinness dei primati ha confermato che l’auto realizzata in Svizzera dall’Associazione accademica degli sport motoristici di Zurigo (AMZ) e pilotata da Kate Maggetti ha spodestato il valore di 1,461 secondi detenuto dal veicolo realizzato all’università tedesca di Stoccarda che primeggiava la classifica dei record dal settembre 2022. L’auto vincitrice pesa appena 140 kg grazie alla struttura in carbonio e alluminio. Per aumentare la presa sul terreno, ha spiegato l’AMZ, il mezzo è stato dotato di una sorta di aspirapolvere collocato proprio sotto il mezzo.

Nel sito dell’ETH di Zurigo, le foto e il video con le interviste alla pilota e agli studentiCollegamento esterno

Attualità

donna sale su un'auto

Altri sviluppi

Nessun aiuto per la riconversione professionale di chi si prostituisce

Questo contenuto è stato pubblicato al Le persone che desiderano abbandonare la prostituzione non saranno aiutate a riconvertirsi professionalmente. Mercoledì il Consiglio degli Stati ha respinto all'unanimità una mozione del Consiglio nazionale in tal senso.

Di più Nessun aiuto per la riconversione professionale di chi si prostituisce

Altri sviluppi

Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Papa si scusa sull'epiteto-shock riguardante i seminaristi gay, trapelato a distanza di una settimana dall'incontro a porte chiuse con i vescovi italiani in cui sarebbe stato pronunciato, e che ieri in un baleno ha fatto il giro del mondo.

Di più Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere
sportello postale con persona carica di pacchi

Altri sviluppi

La Posta svizzera prosegue la sua cura dimagrante

Questo contenuto è stato pubblicato al Nei prossimi quattro anni la Posta chiuderà altre 170 filiali gestite in proprio. Nell'arco di 12 anni la rete di uffici postali in Svizzera è stata dimezzata.

Di più La Posta svizzera prosegue la sua cura dimagrante
donna

Altri sviluppi

Più trasparenza nei mandati dei parlamentari? Non se ne fa nulla

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha respinto martedì una proposta che chiedeva maggiore trasparenza in merito alle attività accessorie dei parlamentari e delle parlamentari.

Di più Più trasparenza nei mandati dei parlamentari? Non se ne fa nulla

Altri sviluppi

Trump verso il giorno del giudizio

Questo contenuto è stato pubblicato al Si avvicina il giorno del giudizio per Donald Trump nel caso pornostar: dopo oltre un mese di processo, mercoledì il giudice darà le istruzioni alla giuria prima che si ritiri in camera di consiglio. Una decisione è attesa entro fine settimana.

Di più Trump verso il giorno del giudizio

Altri sviluppi

Trump verso il giorno del giudizio, De Niro lo attacca

Questo contenuto è stato pubblicato al Si avvicina il giorno del giudizio per Donald Trump nel caso pornostar: dopo oltre un mese di processo, mercoledì il giudice darà le istruzioni alla giuria prima che si ritiri in camera di consiglio. Una decisione è attesa entro fine settimana.

Di più Trump verso il giorno del giudizio, De Niro lo attacca

Altri sviluppi

Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Papa si scusa sull'epiteto-shock riguardante i seminaristi gay, trapelato a distanza di una settimana dall'incontro a porte chiuse con i vescovi italiani in cui sarebbe stato pronunciato, e che ieri in un baleno ha fatto il giro del mondo.

Di più Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere
carro armato

Altri sviluppi

Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al Malgrado le condanne giunte da tutto il mondo dopo l'attacco di domenica notte, nel quale sono morti decine di civili, l'esercito israeliano prosegue le operazioni nel sud della Striscia di Gaza.

Di più Carri armati israeliani nel centro di Rafah

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR