cronaca Tigre uccide una donna allo Zoo di Zurigo

Uno dei due esemplari di tigre siberiana presenti nello Zoo di Zurigo.

Uno dei due esemplari di tigre siberiana presenti nello Zoo di Zurigo dove sabato è stata aggredita mortalmente una guardiana.

Keystone / Ennio Leanza

Una donna è stata uccisa sabato da una tigre siberiana nello Zoo di Zurigo. Il tragico incidente è avvenuto poco prima delle 13.30 e la vittima è una guardiana del parco che si occupava degli animali.

Nonostante il rapido arrivo dei soccorsi la dipendente è spirata poco dopo l'aggressione del felino, che si è consumata sotto gli occhi di un visitatore che secondo le prime informazioni avrebbe dato l'allarme. Gli altri guardiani sono immediatamente intervenuti, riuscendo ad attirare le belve fuori dal recinto e i sanitari hanno tentato di rianimare la 55enne ma è stato tutto inutile.

Al momento sono numerosi i punti oscuri di questa vicenda che dovranno essere chiariti dall'inchiesta. In particolare suscita interrogativi la presenza simultanea della vittima e degli animali, due esemplari adulti di tigre dell'Amur, nel recinto, così come i motivi dell'aggressione.

Il servizio del Tg:

La femmina di cinque anni che ha sferrato l'attacco non aveva dato finora segni particolari di pericolosità e si era sempre comportata normalmente, a detta degli esperti. Per il momento non sono state prese misure particolari nei suoi confronti.

Un'equipe di psicologi ha preso in cura i visitatori e i dipendenti dello zoo che hanno assistito all'incidente. Lo Zoo di Zurigo era stato riaperto lo scorso 6 giugno dopo alcune settimane di lockdown a causa della pandemia di coronavirus.

Infine lo Zoo di Zurigo comunica che la tigre siberiana non sarà abbattuta. Il grosso felino, si legge nella nota, ha seguito l'istinto naturale ed ha attaccato la persona che si trovava all'interno del suo territorio, poiché considerata un'intrusa.

Parole chiave