La televisione svizzera per l’Italia

Crolla l’uso del contante in Svizzera

Carte di debito
I versamenti effettuati con dispositivi mobili come telefoni cellulari, tablet o smartwatch, saliti al 23,3% (+2,3 punti). KEYSTONE

Solo una transazione su quattro viene fatta con denaro fisico. Quasi il 30% dei pagamenti avviene con carte di debito.

Per la prima volta dalla pandemia la quota di pagamenti in contanti è tornata a diminuire nuovamente in modo significativo in Svizzera, calando nel novembre scorso al 25% dell’insieme delle transazioni (-3,2 punti percentuali rispetto a un analogo rilevamento di un anno prima).

+ Coronavirus, boom dei pagamenti senza contanti

Le banconote e le monete rimangono peraltro al secondo posto tra i metodi utilizzati per pagare, ma vengono ormai tallonate dai versamenti effettuati con dispositivi mobili come telefoni cellulari, tablet o smartwatch, saliti al 23,3% (+2,3 punti), emerge da una indagine periodica (Swiss Payment Monitor) realizzata dall’Università di San Gallo e dalla Scuola universitaria professionale di scienze applicate di Zurigo (ZHAW).

+ Contanti o carta? La Svizzera preferisce lasciare la libera scelta

Le carte di debito continuano a essere il metodo di pagamento più utilizzato (29,3%) e sono riuscite a consolidare la loro posizione di preminenza (+0,8 punti). La carta di credito si classifica al quarto posto, con il 15,4% (-0,8 punti), scaturisce dall’inchiesta svolta sulla base di un sondaggio che ha coinvolto circa 1’700 persone in tutta la Svizzera.

+ Una Svizzera sempre più cashless ma non piace a tutti

La popolazione appare spaccata in due riguardo al contante: l’idea di imporre ai commercianti di accettare monete e banconote viene approvata dal 41% degli interpellati, mentre è osteggiata dal 37%, con il rimanente 22% che assume una posizione neutrale.

Attualità

La locomotiva Re 4/4 II

Altri sviluppi

Un’icona svizzera viaggia verso la pensione

Questo contenuto è stato pubblicato al Le locomotive RE 4/4 II dopo oltre 60 anni di apprezzata carriera nei prossimi anni verranno dismesse dalle Ferrovie federali svizzere.

Di più Un’icona svizzera viaggia verso la pensione
I soccorritori sul luogo dell'incidente dell'elicottero in cui viaggiava il presidente Raisi.

Altri sviluppi

Teheran conferma la morte del presidente Raisi

Questo contenuto è stato pubblicato al Il leader iraniano è morto nell'elicottero caduto in una regione montuosa nei pressi del confine con l'Azerbaigian.

Di più Teheran conferma la morte del presidente Raisi
Panoramica del teatro romano di Augusta Raurica, vicino a Basilea.

Altri sviluppi

La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica

Questo contenuto è stato pubblicato al Nella Giornata internazionale dei musei, rievocazioni e laboratori per imparare a fare il pane o a decorare calici come si faceva duemila anni fa.

Di più La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica
Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”
fotografie degli ostaggi di hamas

Altri sviluppi

Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

Questo contenuto è stato pubblicato al Le trattative per la liberazione degli ostaggi in mano ad Hamas sono state sospese. Ad annunciarlo un'emittente israeliana.

Di più Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR