La televisione svizzera per l’Italia

Crisi in Medio Oriente, occupazione studentesca all’Università di Losanna

Manifestanti pro Palestina nell'atrio del campus universitario di Losanna.
Manifestanti pro Palestina nell'atrio del campus universitario di Losanna. KEYSTONE/© KEYSTONE / NOEMI CINELLI

Dimostrazione in uno degli accessi al campus universitario da parte di giovani che chiedono alle istituzioni di non rendersi "complici del genocidio" a Gaza.

Un centinaio di studenti e studentesse ha occupato nel tardo pomeriggio l’atrio dell’edificio Geopolis dell’Università di Losanna per manifestare il loro sostegno al popolo palestinese.

Contenuto esterno

Tra le richieste avanzate dai militanti figurano il boicottaggio da parte dell’istituto accademico delle istituzioni israeliane e un cessate il fuoco immediato e permanente. Al momento non è chiaro quando questa azione sarà portata a termine.

Manifestazione spontanea e senza capi

La dimostrazione, che si è svolta pacificamente, è stata organizzata nel quadro delle mobilitazioni che si stanno svolgendo in numerosi campus a livello internazionale, in particolare, hanno sottolineato le e i promotori, in Canada, Stati Uniti e Francia”.

La loro intenzione, hanno affermato, è di “continuare a lottare con ogni mezzo a sostegno del popolo palestinese”.

“La nostra azione è spontanea e non ha né un capo né leader”, indica un comunicato che è stato distribuito dalle e dagli studenti. “Le persone che occupano l’edificio universitario – continua la nota – si rifiutano di essere complici del genocidio coloniale perpetrato dal regime di apartheid israeliano.

Chiediamo a tutti di unirsi a noi e ai membri di altre università e scuole universitarie di mobilitarsi alla stessa maniera”.

Dialogo con il rettore

Il rettore dell’Università losannese, Frédéric Herman, si è recato sul posto per parlare con alcuni manifestanti. Per il momento non è stata presa nessuna decisione da parte dell’università in merito alle rivendicazioni del movimento.

Il rettore, spiegano fonti accademiche, ha chiesto un periodo di riflessione, fino all’inizio della prossima settimana, prima di prendere una decisione.

Le stesse fonti hanno precisato che non sarà effettuato nessun controllo sull’identità delle persone che partecipano alla mobilitazione, non sarà comminata nessuna sanzione, né vi sarà un intervento per far cessare la dimostrazione. Alcune decine di manifestanti si preparano a passare la notte nell’edificio universitario.

Numerose rivendicazioni

Le e gli studenti hanno rivolto parecchie richieste ai vertici accademici losannesi. Tra di esse figura la lista delle attuali collaborazioni con istituzioni israeliane, la loro immediata interruzione fino a quando Israele non rispetterà un cessate il fuoco permanente e il rispetto del diritto internazionale e una politica proattiva di accoglienza e sostegno agli studenti e ai ricercatori palestinesi, simile a quella messa in atto dopo l’invasione dell’Ucraina da parte dell’esercito russo.

I e le manifestanti ritengono che “le università e le alte scuole elvetiche stiano partecipando alla carneficina”. Per questo motivo chiedono un accesso facilitato agli aiuti umanitari, il ripristino immediato dei finanziamenti di Berna all’UNRWA, la fine immediata della collaborazione militare, diplomatica, culturale, economica e naturalmente accademica con Israele e la fine della repressione del movimento di solidarietà con la Palestina.

Proteste studentesche anche in California

La polizia è intervenuta nel Campus dell’Università della California, a Los Angeles, smantellando l’accampamento pro Palestina e arrestando decine di studenti. Una situazione già vista in altri atenei americani e sulla quale ha preso posizione anche il presidente Joe Biden.

Contenuto esterno

Attualità

Attentato in Piazza delle Loggia a Brescia.

Altri sviluppi

Strage di Piazza della Loggia, spunta una traccia ticinese

Questo contenuto è stato pubblicato al L’attentato di matrice neofascista in Piazza della Loggia a Brescia nel 1974 provoca 8 morti e 102 feriti. Da documenti desecretati, oggi emergono legami con la Svizzera italiana.

Di più Strage di Piazza della Loggia, spunta una traccia ticinese
L'attrice Mikey Madison in una scena del film "Anora"

Altri sviluppi

A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro

Questo contenuto è stato pubblicato al Al 77esimo Festival del film, il premio della giuria è andato a "Emilia Perez" di Jacques Audiard, mentre il premio speciale se lo è aggiudicato "Il seme del fico sacro", del regista dissidente Mohammad Rasoulof.

Di più A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro
Kharkiv

Altri sviluppi

Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv

Questo contenuto è stato pubblicato al L’esercito di Mosca colpisce, con due bombe plananti, un centro commerciale della seconda città ucraina. I morti potrebbero essere decine.

Di più Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv
Sono circa 500 le persone che hanno partecipato in maniera pacifica.

Altri sviluppi

Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa

Questo contenuto è stato pubblicato al La manifestazione si è svolta in risposta ad un servizio tv sulla vicenda di una donna violentata e picchiata nell'appartamento di un avvocato. Un caso per il quale le autorità non avrebbero agito come avrebbero dovuto.

Di più Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa
Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR