Criminalità Più università svizzere truffate dagli hacker

Entrata di un edificio con colonne e mosaici decorativi, porte scorrevoli nelle quali si specchia un parco

Parte degli stipendi dell'Università di Basilea sarebbe ormai su conti esteri.

Keystone / Georgios Kefalas

Pirati informatici non identificati hanno attaccato nelle scorse settimane diverse università e scuole universitarie professionali svizzere, riuscendo a dirottare il versamento dei salari. Non è stata resa nota la somma di denaro sottratta -si tratterebbe centinaia di migliaia di franchi- né un elenco degli atenei colpiti.

La notizia, divulgata inizialmente dal giornale domenicale SonntagsZeitung, è stata poi confermata all'agenzia Keystone-ATS  dalla Conferenza dei rettori delle scuole universitarie (Swissuniversities), la cui segretaria generale Martina Weiss si è limitata a dire che gli istituti colpiti sono più di uno e che un'e-mail di avvertimento è stata inviata a tutti i membri dell'organizzazione.

Dettaglio di una schermata di computer (programma di gestione di posta elettronica)

La tecnologia aiuta, ma anche il personale deve essere formato a riconoscere le frodi.

RSI-SWI

Secondo la SonntagsZeitung, le università entrate nel mirino degli hacker sono almeno tre, fra le quali Basilea e Zurigo. I pirati informatici avrebbero usato dati d'accesso ottenuti attraverso il cosiddetto phishing, un tipo di truffa nella quale i criminali si fingono un ente affidabile, in modo da raggirare le vittime.

Danno a sei zeri

Stando alla procura basilese, citata dal giornale svizzero-tedesco, grazie ai dati personali rubati gli hacker sono entrati direttamente nel sistema degli istituti e hanno modificato i conti dei beneficiari per il pagamento di stipendi. Il montante così dirottato sarebbe a sei cifre. Per il pubblico ministero, parte dei soldi si trova ormai su conti esteri.

L'Università di Zurigo, invece, è apparentemente stata in grado di sventare la minaccia. Suoi impiegati hanno infatti riconosciuto il tentativo di phishing e non sono caduti nella truffa.

In realtà, riferisce Il Quotidiano della Radiotelevisione svizzera, i tentativi di accedere illegalmente ai dati protetti degli atenei sono all'ordine del giorno. Parola dei responsabili del servizio informatico dell'Università della Svizzera italiana (USI) e della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), che in questo servizio riassumono le caratteristiche tipiche dei messaggi di phishing.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (Quotidiano del 05.10.2020)

Parole chiave