Navigation

Più università svizzere truffate dagli hacker

Parte degli stipendi dell'Università di Basilea sarebbe ormai su conti esteri. Keystone / Georgios Kefalas

Pirati informatici non identificati hanno attaccato nelle scorse settimane diverse università e scuole universitarie professionali svizzere, riuscendo a dirottare il versamento dei salari. Non è stata resa nota la somma di denaro sottratta -si tratterebbe centinaia di migliaia di franchi- né un elenco degli atenei colpiti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 ottobre 2020 - 20:35

La notizia, divulgata inizialmente dal giornale domenicale SonntagsZeitung, è stata poi confermata all'agenzia Keystone-ATS  dalla Conferenza dei rettori delle scuole universitarie (Swissuniversities), la cui segretaria generale Martina Weiss si è limitata a dire che gli istituti colpiti sono più di uno e che un'e-mail di avvertimento è stata inviata a tutti i membri dell'organizzazione.

La tecnologia aiuta, ma anche il personale deve essere formato a riconoscere le frodi. RSI-SWI

Secondo la SonntagsZeitung, le università entrate nel mirino degli hacker sono almeno tre, fra le quali Basilea e Zurigo. I pirati informatici avrebbero usato dati d'accesso ottenuti attraverso il cosiddetto phishing, un tipo di truffa nella quale i criminali si fingono un ente affidabile, in modo da raggirare le vittime.

Danno a sei zeri

Stando alla procura basilese, citata dal giornale svizzero-tedesco, grazie ai dati personali rubati gli hacker sono entrati direttamente nel sistema degli istituti e hanno modificato i conti dei beneficiari per il pagamento di stipendi. Il montante così dirottato sarebbe a sei cifre. Per il pubblico ministero, parte dei soldi si trova ormai su conti esteri.

L'Università di Zurigo, invece, è apparentemente stata in grado di sventare la minaccia. Suoi impiegati hanno infatti riconosciuto il tentativo di phishing e non sono caduti nella truffa.

In realtà, riferisce Il Quotidiano della Radiotelevisione svizzera, i tentativi di accedere illegalmente ai dati protetti degli atenei sono all'ordine del giorno. Parola dei responsabili del servizio informatico dell'Università della Svizzera italiana (USI) e della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), che in questo servizio riassumono le caratteristiche tipiche dei messaggi di phishing.

Contenuto esterno
Contenuto esterno

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (Quotidiano del 05.10.2020)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.