Navigation

Crescono le riserve in divise della BNS

I forzieri restano ben riempiti keystone

Merito soprattutto della rivalutazione dell'euro, che costituisce il 40% dei depositi in denaro

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 maggio 2016 - 14:13

Le riserve in divise della Banca nazionale svizzera (BNS) sono salite dell'1,9% in aprile, facendo il confronto con il mese precedente; in franchi, l'aumento è stato di 11,1 miliardi per complessivi 587,6.

La rivalutazione è in parte dovuta al rafforzamento dell'euro, passato in 30 giorni da 1,0910 a 1,0990 franchi (la moneta unica costituisce oltre il 40% del denaro custodito), anche perché il dollaro non ha subito variazioni.

L'andamento di quest'ultimo periodo è stato contrastante: ai cali di dicembre e febbraio si sono contrapposti gli incrementi di gennaio e marzo. Sull'arco dei 12 mesi i depositi in valute sono però cresciuti di 65 miliardi.

L'insieme delle riserve, oro escluso, ammontava a fine aprile a 593,7 miliardi. Il patrimonio aureo aveva invece raggiunto quota 41,3 miliardi, il 4,2% in più rispetto a marzo.

ATS/dg

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.