La televisione svizzera per l’Italia

Covid, “strategia cinese disastrosa” ma la Svizzera segue l’UE

Un aereo dei Air China all aeroporto di Zurigo.
La Svizzera sta seguendo le misure dell'UE e al momento non sono in discussione misure speciali per le persone che arrivano dalla Cina. © Keystone / Walter Bieri

Molti Paesi sono seriamente preoccupati dall'arrivo di viaggiatori dalla Cina dopo la fine dello "zero Covid". Berna però segue le indicazioni dell'UE. Secondo il professore di Igiene all'Università Cattolica Walter Ricciardi si tratta di una "strategia cinese disastrosa".

Un numero di contagi quotidiani probabilmente vicino al milione e almeno 5’000 morti al giorno. Secondo alcuni analisti, in Cina gli ospedali sono sovraccarichi e i residenti faticano a trovare i farmaci di base dopo la fine della politica “zero Covid”. I cinesi possono ora tornare a viaggiare e questo sta inquietando i governi di diversi Paesi, ma non di quello svizzero.

Svizzera allineata all’UE

Il consigliere di Stato ginevrino Mauro Poggia ha affermato mercoledì ai microfoni della Radiotelevione svizzera di lingua francese che auspicherebbe che anche in Svizzera i viaggiatori in arrivo dalla Cina siano testati, come si è ripreso a fare anche in Italia. Preoccupato dalle nuove varianti di SARS-CoV-2, Poggia solleciterà Berna sul tema, ma al momento la Confederazione non è intenzionata ad applicare restrizioni.

La Segreteria di stato per la migrazione ha dichiarato ai colleghi di lingua tedesca che la Svizzera sta seguendo le misure dell’UE e al momento non sono in discussione misure speciali. L’Ufficio federale della sanità pubblica ha da parte sua affermato che sta monitorando la situazione e che, se dovesse rendersi necessario, potranno essere adottate misure appropriate al confine in base alla legge sulle epidemie.

Contenuto esterno

In Italia vige l’obbligo del tampone

Da giovedì 29 dicembre via ai tamponi negli aeroporti italiani fino al 31 di gennaio. Chi entra in Italia dalla Cina dovrà presentare la certificazione di essersi sottoposti, nelle 72 ore antecedenti l’ingresso, ad un test molecolare, o, nelle 48 ore antecedenti, ad un test antigenico.

In caso di positività vi è l’obbligo di sottoporsi immediatamente al test molecolare per il sequenziamento e isolamento con test finale.

Oltre all’Italia, anche Stati Uniti, Giappone, India, Corea del Sud e Taiwan impongono o imporranno a partire dai prossimi giorni i test Covid-19 ai passeggeri degli aerei in arrivo dalla Cina. Un’attitudine che riflette la preoccupazione globale che possano emergere nuove varianti del virus e che il governo cinese possa non informare il resto del mondo abbastanza rapidamente.

Finora non sono state segnalate nuove varianti, ma visti i precedenti c’è chi teme che la Cina non condivida i dati su eventuali segni di evoluzione dei ceppi che potrebbero innescare nuovi focolai altrove. Il portavoce del Ministero degli esteri cinese ha tuttavia assicurato la scorsa settimana che la “Cina ha sempre condiviso le informazioni responsabilmente con l’OMS”.

Altri sviluppi
donna con mascherina su scale mobili con trolley

Altri sviluppi

I cinesi tornano a viaggiare

Questo contenuto è stato pubblicato al Milioni di cinesi, ora che non c’è più l’obbligo di quarantena, torneranno a viaggiare, anche se l’altissimo numero di contagi fra la popolazione cinese preoccupa molti Paesi.

Di più I cinesi tornano a viaggiare

“Strategia disastrosa”

“Un errore dietro l’altro, disastrosa”. Il professore di Igiene all’Università Cattolica Walter Ricciardi sulle pagine della Stampa ha criticato aspramente la strategia anti-covid cinese: “I vaccini cinesi, Cansino e Sinovac, non sono risultati efficaci come quelli occidentali. Se nella prima fase hanno dato un apporto, poi non hanno retto all’ondata di Omicron. Oltre alla sottovalutazione delle nuove varianti ha privilegiato la vaccinazione dei giovani in età da lavoro e non delle fasce più vulnerabili. Non sapremo mai i numeri delle vittime, ma sono probabilmente terribili”. Secondo il professore, rinunciare ora alle chiusure sarebbe “un altro errore. Probabilmente hanno pensato che contro Omicron risultano insufficienti. Dovrebbero comprare i vaccini occidentali. Non vogliono farlo per ragioni politiche”.

I milioni di contagi favoriranno inoltre la proliferazione di nuove varianti? “Il rischio esiste – sostiene Ricciardi – Una variante più contagiosa di Omicron è difficile. Il pericolo è che ne nasca una più patogenica”.

Attualità

L'attrice Mikey Madison in una scena del film "Anora"

Altri sviluppi

A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro

Questo contenuto è stato pubblicato al Al 77esimo Festival del film, il premio della giuria è andato a "Emilia Perez" di Jacques Audiard, mentre il premio speciale se lo è aggiudicato "Il seme del fico sacro", del regista dissidente Mohammad Rasoulof.

Di più A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro
Kharkiv

Altri sviluppi

Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv

Questo contenuto è stato pubblicato al L’esercito di Mosca colpisce, con due bombe plananti, un centro commerciale della seconda città ucraina. I morti potrebbero essere decine.

Di più Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv
Sono circa 500 le persone che hanno partecipato in maniera pacifica.

Altri sviluppi

Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa

Questo contenuto è stato pubblicato al La manifestazione si è svolta in risposta ad un servizio tv sulla vicenda di una donna violentata e picchiata nell'appartamento di un avvocato. Un caso per il quale le autorità non avrebbero agito come avrebbero dovuto.

Di più Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa
Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR