Covid-19 In arrivo nuove misure restrittive

Gente in coda in attesa di fare un tampone
Keystone / Georgios Kefalas

Obbligo di mascherina all'aperto nelle zone abitate, chiusura di ristoranti, bar e club dalle 22 alle 6, limite di 50 persone per gli eventi: sono solo alcune delle misure che il Consiglio federale ha messo in consultazione presso i cantoni.

Le proposte - contenute in un documento di sette pagine anticipate dal quotidiano svizzero tedesco Blick - prevede anche la mascherina nelle aziende e alle fermate dei mezzi pubblici, come pure un limite di 15 persone per le feste familiari. Per bar e ristoranti vigerebbe l'obbligo di stare seduti, a tavoli con massimo quattro persone. Le discoteche doverebbero chiudere.

Nelle scuole superiori si passerebbe all'insegnamento a distanza

Fine della citazione

Nei cinema e nelle sale da concerto andrebbe occupato solo un posto su due. In ambito formativo, nelle scuole superiori si passerebbe all'insegnamento a distanza e la mascherina sarebbe obbligatoria per tutti a partire dall'età di 7 anni, ad eccezione delle situazioni in cui essa ostacola l'attività.

Le limitazioni concernerebbero anche lo sport non professionale: sarebbero ammesse solo attività con un massimo di 15 persone e senza contatti. Nel comparto culturale, verrebbero ad esempio vietati i cori.

Sull'andamento odierno della pandemia in Svizzera e sulle future misure, ecco il servizio del telegiornale:


Ogni giorno conta

L'epidemiologo Marcel Tanner, membro della Task Force Covid-19 della Confederazione, si dice allarmato sulla diffusione del coronavirus. Ogni giorno conta, dichiara in interviste al "Blick" e alle testate di CH Media.

"Vedremo gli effetti delle misure solo fra due settimane", dice Tanner al Blick. L'esperto chiede di limitare rapidamente i contatti e di continuare a rispettare rigorosamente le misure di base: lavarsi le mani, mantenere le distanze e indossare le mascherine.

Nemmeno Tanner vuole un secondo lockdown. "Non vogliamo che la gente sia costretta a rinchiudersi e a sentirsi sola. Vogliamo che l'economia continui a funzionare e che i bambini vadano a scuola".

Evitare le folle

Tanner è particolarmente critico circa l'organizzazione di grandi eventi. "È lontano da tutti noi l'idea di diffondere la paura. Vi diciamo qual è la situazione e quali misure possiamo adottare per evitare un blocco a livello nazionale", prosegue il sessantasettenne.

L'esperto spiega il rapido aumento dei casi di coronavirus in Svizzera con l'arrivo della stagione fredda che ha portato a uno spostamento all'interno degli edifici. "E poi, nel corso dell'estate, siamo diventati più negligenti con le misure di base", osserva. Ciò è dimostrato dal fatto che ci sono state molte infezioni nelle famiglie e nelle feste private.
 

tvsvizzera.it/fra con RSI


Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

Parole chiave