Navigation

Accordi illeciti sospetti sul prezzo dei test fai da te

I test rapidi contro il Covid-19, che dal 7 aprile saranno gratuiti, potrebbero essere stati oggetto di una trattativa sul prezzo da parte dei distributori in Svizzera. © Keystone / Gaetan Bally

Devono ancora arrivare ma sono già oggetto di un'indagine della Commissione della concorrenza (ComCo) i test autodiagnostici sul Covid-19.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 aprile 2021 - 14:30
tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG dell'1.4.2021)

I test rapidi, che Berna ha deciso di mettere a disposizione gratuitamente alla popolazione dal prossimo 7 aprile, hanno attirato l'attenzione della Commissione della concorrenza (ComCo) che sospetta un'intesa illecita tra tre distributori sul prezzo.

La vicenda ha preso le mosse da una denuncia di una quarta società, la Aristos International: l'ipotesi su cui saranno effettuati accertamenti da parte dei commissari federali è che le società indagate abbiano esercitato pressioni sui concorrenti affinché aumentassero il costo dei prodotti di tre marche (Joinstar, Hotgren e Lysun) con cui vengono rifornite farmacie e laboratori in Svizzera.

Contenuto esterno

Tra pochi giorni chi lo vorrà potrà ricevere in farmacia cinque kit al mese con i quali si ottiene, attraverso l'autoprelievo con un tampone nasale, il risultato sull'eventuale positività al virus Sars-Cov2 in una ventina di minuti. In un primo momento gli autotest saranno disponibili soltanto nelle farmacie, ha precisato l'Ufficio federale della salute pubblica, lasciando presagire che successivamente potrebbero essere venduti anche dai distributori del commercio al dettaglio.

Intanto però. sempre in tema di test sulla popolazione, le autorità grigionesi hanno indicato ai media che le vaccinazioni di massa effettuate in questi mesi hanno avuto un esito più che positivo. Il Consiglio di Stato retico valuta positivamente la partecipazione alla campagna che ha contribuito a ridurre il tasso di riproduzione del virus, il secondo più basso in Svizzera, e ha consentito di mantenere aperte alcune attività turistiche ed economiche.

Contenuto esterno

tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG dell'1.4.2021)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.