Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Corridoio sotterraneo per le merci

Si tratta di un nastro trasportatore automatico che dovrebbe collegare il lago di Ginevra a quello di Costanza, attraversando a ovest a est la Svizzera

Il Consiglio federale è disposto, a determinate condizioni, ad emanare una legge ad hoc per la realizzazione del progetto "Cargo sous terrain" (CST), una rete di collegamenti sotterranei per il trasporto di merci su veicoli automatizzati che dovrebbe estendersi dal lago di Ginevra a quello di Costanza.

Lo ha deciso ieri lo stesso Esecutivo, il quale tuttavia esclude una partecipazione finanziaria da parte della Confederazione.

Il progetto è sostenuto da aziende come FFS Cargo, Swisscom, La Posta, Rhenus Logistics e l'associazione che riunisce i principali commercianti al dettaglio. Nel gennaio scorso, i promotori hanno presentato a Zurigo uno studio di fattibilità per un primo collegamento di 70 chilometri fra la regione di Härkingen (Canton Soletta) e Niederbipp (Canton Berna) e i centri logistici che si trovano a Zurigo.

La tratta, da portare a termine entro il 2030, verrebbe a costare 3,55 miliardi di franchi - finanziati da investitori privati - e secondo lo studio è tecnicamente realizzabile e potrà essere gestita in modo redditizio. La prima parte di "Cargo sous terrain" dovrebbe permettere di ridurre del 20% i camion in transito fra il raccordo di Härkingen e Zurigo.

La Confederazione pone tuttavia una serie di condizioni prima di poter promulgare una normativa del genere. CST deve trasformarsi in una società anonima e i responsabili garantire almeno 100 milioni di franchi, di cui il 50% da parte di investitori svizzeri. Condizione imprescindibile inoltre è l'accordo dei cantoni Zurigo, Argovia e Soletta e l'accesso senza discriminazioni al sistema CST.

ats

×