Navigation

Solidarietà transfrontaliera nella cura dei malati

Due pazienti alsaziani affetti da Covid-19, provenienti da Colmar e Mulhouse, sono stati trasportati in elicottero all'ospedale cantonale di Sciaffusa: si trovano in terapia intensiva e sono intubati. Non sono i primi. La Svizzera ha già in cura una ventina di cittadini francesi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 marzo 2020 - 21:14
tvsvizzera.itz/fra con RSI
Ci sono altre richieste di ospedalizzazione francesi e i Cantoni che si sono messi a disposizione sono in tutto undici. Keystone / Salvatore Di Nolfi


Sull'ultimo ricovero di due pazienti, il Dipartimento cantonale della sanità ha precisato che la cura delle persone affette da coronavirus domiciliate in Svizzera rimane assicurata. Nel canton Sciaffusa, situato a nord al confine con la Gernania, sono fino a lunedì mattina 41 i casi confermati. Non ci sono stati al momento decessi.

Anche altri cantoni hanno dato la loro disponibilità ad accogliere pazienti francesi provenienti dall'Alsazia. Fino a domenica sera erano 20 i malati di Covid-19 in cura nei cantoni di Ginevra, Vaud, Friburgo, Neuchâtel, Giura, nei due Basilea e in Argovia, ha fatto sapere con un tweet l'ambasciatore francese a Berna Frédéric Journes.


Ma è il canton Ginevra, che più degli altri, ha aperto le porte ai malati francesi, come vediamo nel servizio del telegiornale.

Contenuto esterno


Pazienti francesi anche in Germania

Diversi pazienti francesi della regione del Grand Est, uno dei principali focolai di Coronavirus in Francia, sono stati trasferiti in ospedali tedeschi e lussemburghesi (oltre che in Svizzera): lo ha annunciato il direttore generale della sanità Jerôme Salomon.

Salomon ha ringraziato questi paesi per aver offerto alla Francia aiuto per curare i malati degli ospedali in prossimità della frontiera orientale, messi a dura prova dall'afflusso di pazienti negli ultimi giorni.

I pazienti francesi, ma anche italiani sono stati ospedalizzati anche in Germania. Ecco il servizio del Tg.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.