coronavirus Quarantena in Svizzera per chi arriva da 29 paesi

Utenti dei mezzi pubblici in Svizzera con l obbligo ora di indossare la mascherina.

Utenti dei mezzi pubblici in Svizzera con l'obbligo ora di indossare la mascherina.

Keystone / Anthony Anex

L'aumento dei contagi nell'ultima settimana in Svizzera, dove la pandemia sembrava quasi sparita, ha indotto il governo federale a introdurre una serie di nuove misure contro il coronavirus.

Da lunedì, oltre all'imposizione della mascherina sui mezzi di trasporto pubblici, i viaggiatori provenienti da paesi a rischio saranno obbligati trascorrere dieci giorni in quarantena. Sulle nuove disposizioni le spiegazioni dell'Ufsp. nel servizio del TG.

Inoltre, come era già stato preannunciato ieri da Berna, la Svizzera aderirà all'apertura delle frontiere a paesi terzi, decisa dall'UE, solo a partire dal prossimo 20 luglio.

-La Svizzera apre come l'UE ma dal 20 luglio

L'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) ha pubblicato nella serata la listaLink esterno degli Stati per i quali vigerà da lunedì l'autoconfinamento sanitario. Tra i 29 paesi figurano in particolare gli Stati Uniti, la Russia, la Serbia, Israele, diverse nazioni latinoamericane e, tra gli Stati dell'UE, la sola Svezia.

L'ordinanza federale Covid-19 prevede che le persone, che nelle due settimane precedenti l'entrata in Svizzera si siano recate in una di queste regioni, notifichino il loro arrivo alle autorità cantonali competenti e si rechino direttamente al loro domicilio o in un altro alloggio idoneo dove "dovranno soggiornarvi ininterrottamente per dieci giorni".

Nell'elenco allestito dall'Ufsp, che verrà aggiornato una volta al mese, figurano anche Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Macedonia del Nord, Moldavia e Kosovo. Da Berna Simona Ceghetti.

Nel Medio Oriente sono ritenuti ad alto rischio, oltre al già citato Israele, l'Arabia Saudita, il Bahrein, l'Iraq, il Kuwait, l'Oman e il Qatar.

Stesso discorso in America latina per Honduras, Panama, Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia e Perù mentre nei Caraibi vengono menzionate Repubblica Dominicana e le piccole isole britanniche Turks e Caicos. Restrizioni per viaggiatori provenienti dal continente africano sono previste solo riguardo a Sudafrica e Capo Verde.

Intanto preoccupa l'evoluzione delle infezioni, che si erano ridotte a una decina al giorno la settimana scorsa e risalite a oltre cento negli ultimi giorni. Colpisce in particolare che siano solo alcuni cantoni (Zurigo) al centro dei nuovi focolai e che i vettori principali siano i giovani e alcuni locali specifici (discoteche e bar).

Per il momento si contano oltre 2'000 persone in quarantena, che si aggiungono ai 350 malati di Covid-19 in isolamento. Sulla questione l'opinione degli esperti nel servizio del TG.


Parole chiave