Navigation

Cooperazione fiscale, Svizzera promossa

Grazie alle modifiche legislative adottate per conformarsi agli standard internazionali, l'OCSE ha ammesso la Confederazione alla seconda fase di esame

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 marzo 2015 - 21:32

Gli sforzi compiuti dalla Svizzera per non finire sulla lista nera dei paradisi fiscali hanno dato i loro frutti. Grazie alle modifiche legislative, apportate per conformarsi agli standard internazionali, l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha deciso di ammettere la Confederazione nella seconda fase di esame.

Una fase che prenderà avvio in autunno e che dovrà verificare, in particolare, l'attuazione pratica dello scambio di informazioni in materia di assistenza amministrativa fiscale.

Entrata in vigore il primo agosto dello scorso anno, la normativa prevede che –in alcuni casi– possano essere trasmesse informazioni sui dati dei contribuenti alle autorità estere, senza preavvisare le persone oggetto della domanda.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.