Navigation

Il solare svizzero dà speranze al sud Etiopia

Metà energia per l'ambulatorio, l'altra per piccole attività economiche o abitazioni. Sahay Solar Association

Tecnologia svizzera in Etiopia, per dare elettricità e nuove speranze alla popolazione di alcuni villaggi del sud del Paese. Il TG della Radiotelevisione svizzera presenta un progetto che coinvolge la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 febbraio 2018 - 17:03
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 14.02.2018)

Su stimolo della Direzione per lo sviluppo e la cooperazioneLink esterno DSC, la SUPSILink esterno porta in Africa un cosiddetto trasferimento di competenze: i pannelli fotovoltaici non risolvono soltanto un problema contingente, ma danno nuove prospettive di vita.

Al progettoLink esterno partecipa il docente e ricercatore Domenico Chianese, che è stato più volte nel sud dell'Etiopia con la Ong Sahay Sonar di Basilea.


Le missioni nel paese africano durano di solito due settimane: la prima dedicata alla formazione, la seconda si installano impianti per dare elettricità a piccoli ambulatori costruiti dal governo.

"Prima del nostro intervento queste stazioni mediche possono operare soltanto durante il giorno", spiega Chianese, "perché non hanno nessuna fonte di luce se non qualche pila che utilizzano gli infermieri, e soprattutto hanno difficoltà a mantenere i medicamenti al fresco".

Contenuto esterno


I pannelli solari, però, non danno energia soltanto all'ambulatorio. "Metà dell'impianto fornisce la stazione medica mentre l'altra è a disposizione degli abitanti del villaggio, o per avviare piccole attività economiche (il barbiere, il bar) o per fornire luce alle capanne".

Da cosa nasce cosa. Spesso dopo l'elettricità, grazie all'installazione di pompe, il villaggio può avere anche l'acqua. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.