Navigation

Conflitto mondiale, celebrazioni in tono minore in Svizzera

La fine della Seconda Guerra mondiale era stata accolta 70 anni fa con gioia anche nella neutrale Confederazione ma Berna non intende rievocare passate polemiche

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 maggio 2015 - 22:25

L'8 maggio del 1945, come nella maggior parte dei paesi europei, in tutta la Svizzera le campane suonavano a festa e le gente si riversava per strada per celebrare la fine della Seconda guerra mondiale. Ma a 70 anni da quella fatidica data la Confederazione ha scelto di ricordare l'evento in tono minore.

Nessuna celebrazione ufficiale dalle autorità federali è stata prevista, forse per non rievocare passate polemiche sui rapporti, soprattutto di natura economica, intrattenuti, pur mantenendo una posizione di rigorosa neutralità, con la Germania nazista. Gli storici si sono infatti spesso soffermati sulle simpatie che parte, seppur minoritaria, della popolazione e dell'esercito avevano per il Terzo Reich. E su cui Berna non intende riaprire oggi il dibattito.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.