La televisione svizzera per l’Italia

Condannato in Svizzera un sostenitore dello Stato Islamico

Un particolare della facciata del Tribunale penale federale di Bellinzona.
© Keystone / Ti-press / Gabriele Putzu

Un cittadino turco di 26 anni è stato condannato dal Tribunale penale federale di Bellinzona per aver sostenuto il sedicente Stato Islamico. Nato e cresciuto in Svizzera, il giovane non è stato espulso dal Paese.

L’uomo, appartenente al circolo salafita di Winterthur (Canton Zurigo) e residente a Sciaffusa, è stato condannato a una pena detentiva di 28 mesi parzialmente sospesi. Per il 26enne turco non è però stata disposta l’espulsione dalla Svizzera come richiesto dal Ministero pubblico della Confederazione.

Dei 28 mesi, sette saranno da scontare. Tenuto conto che quattro mesi e mezzo l’imputato li ha già trascorsi in detenzione preventiva, ne restano 2 e mezzo. Inoltre, la Corte penale ha inflitto una pena pecuniaria pari a dieci aliquote giornaliere da 130 franchi con la condizionale, alle quali si aggiungono 25’000 franchi di spese processuali.

Il TPF ha deciso di non procedere all’espulsione dal paese ritenendo la pena sproporzionata, in quanto i reati commessi non rientrano tra quelli che comportano l’allontanamento dal territorio elvetico ai sensi del Codice penale, ma anche perché il 26enne turco è nato e cresciuto in Svizzera. Pertanto, è stato ritenuto che il giovane gode di stretti legami nel paese, dove tra l’altro risiedono la madre e il patrigno. Inoltre, la Corte penale ha considerato adeguata l’integrazione economica dell’accusato.

Contenuto esterno

L’attivista islamista è stato ritenuto colpevole di aver violato la Legge federale che vieta i gruppi “Al-Qaïda” e “Stato islamico” nonché le organizzazioni associate e di aver detenuto e messo a disposizione immagini di cruda violenza.

Il giovane è stato ritenuto colpevole di aver incoraggiato nel 2019 una minorenne residente in Austria a recarsi con lui in Siria e di affiliarsi al gruppo terroristico del califfato. L’imputato aveva intenzione di sposare la ragazza secondo la legge islamica, prima di unirsi all’ISIS.

Il 26enne turco è stato anche ritenuto colpevole di aver prodotto e distribuito propaganda per lo Stato Islamico e Al-Qaeda, nonché di aver raccolto denaro attraverso un sito di crowdfunding con lo scopo di finanziare esponenti dell’ISIS.


Attualità

Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”
fotografie degli ostaggi di hamas

Altri sviluppi

Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

Questo contenuto è stato pubblicato al Le trattative per la liberazione degli ostaggi in mano ad Hamas sono state sospese. Ad annunciarlo un'emittente israeliana.

Di più Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese
due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR