La televisione svizzera per l’Italia

Condanna CEDU: le opinioni divergenti di Albert Rösti e Beat Jans

Albert Roesti, a sinistra, e Beat Jans sorridenti
I due consiglieri federali Albert Rösti (a nisitra) e Beat Jans saranno chiamati a prendere le misure necessarie dopo la condanna della CEDU. KEYSTONE

I dipartimenti dell'ambiente e della giustizia saranno chiamati a prendere le misure necessarie dopo il verdetto che condanna la Svizzera per la sua politica climatica.  

La condanna della Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) contro la Svizzera per la sua politica climatica fa discutere anche i consiglieri federali. Il ministro dell’ambiente Albert Rösti e quello di giustizia Beat Jans si sono espressi sulla sentenza che ha dato ragione alle Anziane per il clima. I due consiglieri federali che dovranno valutare come applicarla hanno opinioni piuttosto diverse.

Altri sviluppi
Le "Anziane per il clima" festeggiano la sentenza a loro favore che ha emesso la Grande Camera della Corte europea dei diritti umani il 9 aprile 2024.

Altri sviluppi

La politica climatica della Svizzera viola i diritti umani 

Questo contenuto è stato pubblicato al La Corte europea dei diritti umani ha dato ragione all’associazione “Anziane per il clima” e ha condannato la Svizzera per aver violato i diritti umani in ambito ambientale. Una sentenza senza precedenti che farà giurisprudenza nel mondo.

Di più La politica climatica della Svizzera viola i diritti umani 

La vittoria delle anziane per il clima ha fatto discutere molto la popolazione, giuristi e giuriste e parlamentari. Ora tocca anche al Consiglio federale. In un intervento alla Radiotelevisione della Svizzera tedesca SRF il ministro socialista e direttore del Dipartimento federale di giustizia e polizia Beat Jans ha detto che “la Svizzera potrà continuare a decidere in modo indipendente e in tutta sovranità la propria politica climatica. Non è una sentenza contro la popolazione elvetica, ma per lei, perché rafforza i diritti di chi vive in Svizzera. Non c’è motivo di essere turbati così tanto per questa sentenza”. Ha poi aggiunto che “le forze antieuropeiste cercano di interpretarla a loro modo. Ma questa sentenza non ha a che fare con l’Europa e con i rapporti che abbiamo con l’UE. Questa Corte è [anche] un nostro tribunale… l’argomento del diritto straniero non c’entra”.

Contenuto esterno

Parole rilevanti perché pronunciate da chi dirige uno dei dipartimenti che dovrà studiare le implicazioni della sentenza. Sarà però coinvolto anche quello dell’energia e dell’ambiente diretto Albert Rösti. Il democentrista (UDC, destra conservatrice) ha espresso parecchie perplessità in questi giorni. Alcune di queste lunedì a margine del Sechseläuten, altre sabato, riportate dal quotidiano svizzero-tedesco Tages-Anzeiger. “Dal 2016 – ha detto – anno nel quale è stata inoltrata la denuncia,  la Svizzera ha fatto molto. L’anno scorso abbiamo votato scegliendo la decarbonizzazione, cosa che non è però stata considerata [dalla Corte]. A livello di separazione dei poteri noto poi uno spostamento a favore del potere giudiziario e ciò non è compatibile con la democrazia diretta. Da noi decide il popolo che misure prendere”.

I pareri tra i due ministri sono insomma piuttosto divergenti. Così come divergenti sono vari atti parlamentari sul tema annunciati alle camere federali.

+ “La sentenza della CEDU potrebbe essere un autogol per le idee ecologiste”

Attualità

Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera
Un treno entra in una stazione di periferia.

Altri sviluppi

Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali

Questo contenuto è stato pubblicato al Per l'insieme della Svizzera, il 94,46% dei treni è arrivato a destinazione con meno di tre minuti di ritardo rispetto all'orario stabilito, contro il 94,92% nell'anno precedente. Nel settore degli autobus, il numero delle corse puntuali si situa sotto la soglia del 90%.

Di più Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali
Un cacciatore.

Altri sviluppi

Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi

Questo contenuto è stato pubblicato al L'abbattimento dei lupi nei Grigioni, a determinate condizioni, sarà estesa quest'autunno per la prima volta ai titolari delle patenti per la caccia alta.

Di più Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi
baume schneider su schermi durante discorso

Altri sviluppi

Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale e direttrice del Dipartimento federale dell'interno (DFI) Elisabeth Baume-Schneider ha invitato i membri dell'OMS a impegnarsi per un'intesa contro le pandemie.

Di più Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR