Navigation

Con Roma nessun confronto duro

Giovanni Merlini (Plr) autore dell'interpellanza sui frontalieri keystone

La vertenza sull'inserimento della Svizzera nelle liste nere italiane va risolta col dialogo

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 giugno 2014 - 10:50

Berna intende ricorrere al dialogo per risolvere la questione della violazione da parte di Roma della convenzione sulla doppia imposizione, dopo che l'Italia ha inserito la Svizzera nelle sue liste nere.

È quanto indica l'Esecutivo federale nella risposta data all'interpellanza del consigliere nazionale liberal-radicale Giovanni Merlini, sottolineando che il problema sollevato è giuridicamente controverso e va quindi affrontato a livello politico.

Per il deputato ticinese, l'etichetta di paradiso fiscale applicata alla Svizzera infrange i patti del 1976, che non prevedono lo scambio d'informazioni, quelle bancarie comprese.

ATS/dg

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.