Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Commercio al dettaglio, sarà un anno difficile

Per il 2015, con l'abbandono della soglia minima di cambio euro-franco, è previsto un calo del giro d'affari del 2,1%; è la maggior contrazione degli ultimi 35 anni

Il commercio al dettaglio sta vivendo in Svizzera un momento difficile: il centro di ricerche BAK Basel prevede per il 2015 un calo del giro d'affari del 2,1% rispetto all'anno precedente, ossia 2 miliardi di franchi.

È la maggior contrazione delle vendite degli ultimi 35 anni. Dovuta certamente alla crisi, ma soprattutto -indica l'istituto- all'abbandono della soglia minima di cambio franco-euro, deciso dalla Banca nazionale svizzera lo scorso gennaio.

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×