La televisione svizzera per l’Italia

Come il rivenditore di mascherine Emix fece pressioni sul Governo

Mascherine FFP2.
L'azienda ha dato due ore alla Confederazione per decidere sulla fornitura di 50'000 mascherine KEYSTONE

Dei documenti pubblicati su ordine del Tribunale federale rivelano le pressioni esercitate sul Dipartimento federale della difesa, protezione della popolazione e dello sport dal rivenditore Emix, che aveva promesso mascherine statunitensi di alta qualità e consegnato prodotti cinesi.

“Abbiamo bisogno di una conferma oggi” esortava il rivenditore di mascherine Emix in una email del 27 febbraio 2020. Una comunicazione resa pubblica solo dopo anni di battaglia legale su ordine del Tribunale federale. Così la SRFCollegamento esterno e il Tages-Anzeiger hanno avuto accesso al dossier degli acquisti dell’esercito.

Email.
Emix offre all’esercito maschere di alta qualità che sono “esaurite in tutto il mondo”. Non sono mai state consegnate. SRF

Emix ha concluso un accordo milionario con la Confederazione a fine febbraio 2020. Offriva mascherine di alta qualità della ditta statunitense 3M, che sarebbero state presto esaurite in tutto il mondo. Emix ha fatto pressioni sul Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS), affermando in un’email di aver ricevuto un ordine da parte delle autorità tedesche per l’intero stock di due milioni di pezzi. “Abbiamo riservato la scorta fino alle 14, poi dovremo prendere una decisione” si legge nella comunicazione.

Emix non ha fornito prove che esistesse un ordine vincolante da parte del Governo tedesco. Ci sarebbero stati diversi accordi verbali per l’acquisto.

Email.
Emix ha affermato che c’era un ordine di mascherine da parte del Governo tedesco SRF

Due ore per prendere una decisione

Emix chiedeva 8,90 franchi per mascherina, l’esercito ha avuto due ore di tempo per decidere e alla fine ordinò 50’000 esemplari. Il giorno successivo in Germania una collaboratrice della Emix, Andrea Tandler, condannata per evasione fiscale, si è rivolta ai suoi contatti nel Governo bavarese.

Secondo il rapporto d’indagine del Parlamento bavarese, in un SMS ha scritto: “Una mia amica svizzera ha una grande scorta di mascherine (…) in vendita. Sono mascherine della 3M con filtri. Ieri ne ha vendute una buona parte all’esercito e Governo svizzeri e ora ne ha ancora un milione in stock”.

La Svizzera e la Germania non hanno mai ricevuto le mascherine promesse della statunitense 3M. Emix ha invece consegnato dei prodotti dalla Cina allo stesso prezzo pattuito. Un “valido sostituto”, secondo Emix.

L’offerta era un bluff per entrare in affari? Emix si oppone all’accusa di SRF: “Come si è scoperto, nessun singolo fornitore di maschere 3M, compresi i grossisti sanitari rispettabili, poteva effettivamente consegnare il prodotto promesso”. L’urgenza che traspare dalla corrispondenza riflette la grande richiesta e la scarsa disponibilità di maschere in tutto il mondo.

“Dopo il fallimento delle mascherine 3M, è stato possibile trovare rapidamente un valido sostituto perché Emix stava contemporaneamente creando una catena di approvvigionamento per mascherine dalla Cina. Emix ha poi consegnato con successo mascherine a numerosi clienti in Svizzera e Germania. Emix è stato uno dei pochi fornitori in grado di procurarsi rapidamente un numero molto elevato di mascherine appena prodotte di qualità adeguata e a prezzi di mercato e di consegnarle ai clienti in loco, compreso il complesso trasporto e la logistica associati. In linea di principio, all’epoca non c’era richiesta di marchi di maschere specifici, ma piuttosto ordini generici. Il tipo cinese KN95 era considerato equivalente al FFP2. Ci sono state eccezioni per quanto riguarda i certificati delle mascherine. Emix ha realizzato un margine abituale con le consegne di mascherine”.

Nota della redazione: il procedimento penale avviato dalla Procura di Zurigo contro i responsabili di Emix all’inizio del 2021 è ancora in corso. L’accusa è di usura. Vi sono state anche diverse segnalazioni sui media riguardo alla scarsa qualità di una parte delle mascherine consegnate da Emix.

La fiducia del DDPS in Emix

Il dossier del DDPS è scarno. Mancano i documenti necessari per valutare formalmente le prestazioni delle mascherine. Il DDPS giustifica questo fatto con la situazione di emergenza del momento e con un’eccezione prevista dalla legge sugli appalti.

“Il DDPS aveva apparentemente piena fiducia in Emix”, afferma l’esperta di mascherine Margit Widmann dopo aver esaminato i documenti. L’esperta è specializzata nell’immissione sul mercato di dispositivi medici e di protezione personale. “La corrispondenza tra VBS ed Emix verteva principalmente sulle quantità e sui tempi di consegna, ma non sulla qualità delle maschere”, il criterio più importante per ridurre il rischio di infezione.

Lettera
Emix ha avvertito il DDPS di un aumento dei contagi e ha raccomandato di fare scorta di mascherine. SRF

Buoni affari per Emix

Emix è stato l’unico fornitore che non ha richiesto un pagamento anticipato ed è stato in grado di soddisfare i criteri di consegna, scrive il DDPS, che ha ordinato maschere per oltre 22 milioni di franchi in tre settimane.

Gli affari sono andati bene per Emix. L’azienda in un’e-mail ha scritto: “In totale, nel mese di aprile abbiamo noleggiato oltre 20 dei più grandi aerei cargo del mondo”. In vista dell’aumento delle infezioni, “i magazzini dovrebbero essere adeguatamente riforniti per il futuro”.

L’articolo originale è stato pubblicato da SRF Collegamento esterno(Schweizer Radio und Fernsehen) e tradotto dalla redazione di “dialogo”, un’offerta della Società svizzera di radiodiffusione (SSR) che propone contenuti da tutta la Svizzera tradotti in tutte le lingue nazionali e in inglese.

Attualità

vigile del fuoco davanti a una palazzina

Altri sviluppi

Fuochi di artificio all’origine dell’esplosione nel Canton Argovia

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esplosione che ha devastato un parcheggio sotterraneo e parte di una palazzina a Nussbaumen è dovuta alla manipolazione e allo stoccaggio non corretti di grandi quantità di materiale pirotecnico importato illegalmente in Svizzera.

Di più Fuochi di artificio all’origine dell’esplosione nel Canton Argovia
schede elettorali

Altri sviluppi

Elezioni federali 2023: immigrazione e potere d’acquisto sono stati i temi più popolari

Questo contenuto è stato pubblicato al In occasione delle ultime elezioni svizzere, le preoccupazioni dell'elettorato riguardavano soprattutto l'asilo, l'immigrazione e il potere d'acquisto. Ad approfittarne sono stati soprattutto l'Unione democratica di centro e il Partito socialista.

Di più Elezioni federali 2023: immigrazione e potere d’acquisto sono stati i temi più popolari
uomo

Altri sviluppi

In Svizzera la scuola inclusiva “ha fallito”

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente del PLR Thierry Burkart ha chiesto l'abolizione della scuola inclusiva. "Ha fallito", ha dichiarato in un'intervista pubblicata oggi dalle testate del gruppo Tamedia.

Di più In Svizzera la scuola inclusiva “ha fallito”
Medico e paziente

Altri sviluppi

Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario

Questo contenuto è stato pubblicato al Considerate ormai obsolete, le tariffe per le cure ambulatoriali in vigore dal 2004 (TARMED) saranno sostituite nel 2026 dalla nuova struttura tariffale per singola prestazione TARDOC e da una struttura tariffale con importi forfettari.

Di più Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario
Rösti nel corso della conferenza stampa del Governo.

Altri sviluppi

“Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”

Questo contenuto è stato pubblicato al Come compromesso all'iniziativa popolare che chiede un abbassamento della quota da destinare al servizio pubblico radiotelevisivo svizzero, il Consiglio federale propone di scendere a 300 franchi.

Di più “Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”
Combattenti di Hezbollah.

Altri sviluppi

Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano

Questo contenuto è stato pubblicato al Cresce il timore di uno scontro totale imminente tra Israele e gli Hezbollah libanesi, con conseguenze difficili da prevedere.

Di più Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano
L'entrata di una filiale della banca UBS in Ticino.

Altri sviluppi

L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza

Questo contenuto è stato pubblicato al La concorrenza in ambito bancario in Svizzera non è stata minacciata dall'acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS. È quanto comunica l'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari al termine della sua procedura di controllo.

Di più L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR