Navigation

Solo auto elettriche per l'amministrazione federale

"Alla carica" contro le emissioni di gas serra. © Keystone / Laurent Gillieron

Tutti i nuovi veicoli dell'amministrazione federale dovranno essere elettrici. È quanto prevedono le nuove direttive della ministra Viola Amherd volte a ridurre le emissioni di CO2.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 febbraio 2021 - 21:10

L'amministrazione federale dispone di circa 1'500 veicoli con targhe civili (di cui solo 40 elettrici) scrive giovedì il dipartimento della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (Ddps). Quest'ultimo acquista ogni anno tra i 150 e i 200 veicoli per l'amministrazione.

Dal 2021, tutte le nuove acquisizioni dovranno essere veicoli elettrici o neutrali dal punto di vista dell'impatto climatico. L'acquisto di mezzi a combustibili fossili resta possibile solo previa autorizzazione in casi di comprovata necessità, ad esempio in assenza di veicoli elettrici che possano soddisfare le esigenze della sezione dell'amministrazione interessata.

La decisione s'iscrive nell'ambito delle misure sul clima decise dal governo per l'amministrazione federale la quale deve ridurre di almeno il 50% rispetto ai valori del 2006 le sue emissioni di gas a effetto serra. Per il solo Ddps l'obiettivo è di almeno il 40% rispetto al 2001.

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 04.02.2021)

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.