Navigation

Test genetici al riparo dagli assicuratori

Immagine d'archivio. Keystone

No alla possibilità per gli assicuratori sulla vita di accedere ai test genetici degli stipulanti, sì alle analisi genetiche prima della dodicesima settimana di gravidanza. Il Consiglio nazionale ha accolto lunedì le modifiche alla relativa Legge.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 febbraio 2018 - 21:30
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 26.02.2018)

La camera bassa del Parlamento svizzero ha dibattuto quattro ore, sulla revisione totale della Legge federale sugli esami genetici sull'essere umano (LeguLink esterno).

Una riformaLink esterno che tutti gli oratori riconoscono come necessaria poiché l'attuale legislazione, del 2007, è superata dagli eventi. I test genetici sono sempre meno cari e in aumento, anche in ambiti non prettamente legati alla medicina. 

Contenuto esterno

Per evitare abusi e garantire la protezione della personalità, il Consiglio nazionale ha tra l'altro seguito il Consiglio federale (governo) e la sinistra sulle restrizioni per gli assicuratori vita.

Alcuni pazienti potrebbero infatti rinunciare a effettuare esami per paura di essere rifiutati dagli assicuratori, viceversa a stipulare una polizza per il timore di pagare premi più elevati.

Le norme rivedute, adottate con 175 voti a 3 e 10 astenuti, disciplineranno anche gli esami non rilevanti dal punto di vista medico, allo scopo per esempio di individuare attitudini sportive od ottimizzare l'alimentazione. L'attuale leggeLink esterno regolamenta piuttosto le verifiche in ambito medico.

End of insertion

Test prenatali

La sinistra, nonostante il sostegno del Partito popolare-democratico (democristiano), non è invece riuscita a opporsi alle analisi genetiche prima della dodicesima settimana di gravidanza.

Il Consiglio nazionale ha deciso con 100 voti contro 85 che tali test, volti a identificare eventuali "bambini salvatori" destinati a donare tessuti a fratelli o genitori malati, potranno essere realizzati.

Dodici settimane è, ai sensi dell'articolo 119 del Codice penaleLink esterno svizzero, il termine di non punibilità dell'interruzione di gravidanza effettuata "su richiesta scritta della gestante che fa valere uno stato di angustia".  

End of insertion

La maggioranza di destra ha ritenuto che la legge consenta già di evitare derive: il sesso dell'embrione non può essere comunicato prima della dodicesima settimana, a meno che non vi sia un pericolo per la salute del bebè legato al sesso stesso.

Pubblicità ad alcune condizioni

La Camera del popolo ha respinto pure la proposta di consentire analisi prenatali solo in caso di grave minaccia per la salute dell'embrione o del feto.

Autorizzata, per contro, la pubblicità per i test genetici. Quest'ultima sarà tuttavia vietata per quelli al di fuori dell'ambito medico e non dovrà essere rivolta a persone incapaci di discernimento, come per esempio i bambini.

Il dossier passa ora al Consiglio degli Stati, camera alta del Parlamento.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.