La televisione svizzera per l’Italia

Cambia partito poco dopo essere stata eletta, il Tribunale federale vuole chiarezza

donna
Isabel Garcia è entrata nel Parlamento cantonale zurighese nel 2021. KEYSTONE/© KEYSTONE / ENNIO LEANZA

La più alta istanza giudiziaria svizzera ha accolto un ricorso presentato contro l'elezione nel Parlamento cantonale di Zurigo di una esponente del Partito verde liberale, passata a quello liberale radicale meno di due settimane dopo il voto. La giustizia zurighese dovrà riesaminare l'accaduto per determinare se l'elettorato è stato tratto in inganno.

Il Tribunale federale (TF) ha accolto un ricorso contro il passaggio al Partito liberale radicale (PLR) della granconsigliera verde liberale Isabel Garcia, avvenuto meno di due settimane dopo che la donna era stata rieletta nel Parlamento cantonale nel febbraio dello scorso anno.

Riunita in udienza pubblica, la prima Corte di diritto pubblico del TF ha sottolineato mercoledì come l’appartenenza a un partito sia particolarmente importante nel sistema proporzionale. Il tribunale di Losanna ha pertanto deciso – con tre voti contro due – di annullare il decreto con il quale si convalida l’elezione di Garcia.

Le informazioni a disposizione lasciano presumere che la granconsigliera abbia preso la propria decisione prima delle elezioni, ha stabilito la corte. La causa viene ora rinviata al Tribunale amministrativo cantonale, che dovrà chiarire le circostanze esatte e stabilire se gli elettori e le elettrici zurighesi siano stati indotti in errore nel loro diritto di esprimersi liberamente. In tal caso, si tratterebbe di una violazione dei diritti politici.

I commenti della stampa

La sentenza del Tribunale federale non ha mancato di suscitare commenti sulla stampa. L’Aargauer Zeitung non ha esitato a parlare di “decisione sorprendente”.

La Neue Zürcher Zeitung sostiene nella sua edizione odierna come “la limitazione della libertà d’azione dei rappresentanti del popolo dev’essere mantenuta al minimo assoluto, e i confini non dovrebbero mai essere tracciati in tribunale”. Per il foglio zurighese è compito dei legislativi darsi regole severe sui cambi di partito subito dopo le elezioni.

Per il Tages Anzeiger, se il caso di Isabel Garcia è chiaro da un punto di vista morale, lo è meno da quello giuridico. Tutte le istituzioni hanno infatti finora sostenuto il contrario: i politici sono soggetti al principio del libero mandato – nessuno può imporre loro come votare, nemmeno il loro stesso partito. Ciò significa che possono cambiare partito in qualsiasi momento, sostiene il giornale nel suo editoriale.

Per il Tages Anzeiger è tuttavia molto probabile che il Tribunale amministrativo zurighese non sarà in grado di dimostrare che Isabel Garcia ha ingannato l’elettorato. La parlamentare dovrebbe quindi poter conservare il suo seggio.

Un cambio di partito che modifica i rapporti di forza

Garcia siede in Gran Consiglio da circa tre anni. Dal 2010 è anche membro del Consiglio comunale della città di Zurigo, dove è anche stata capogruppo per un certo periodo di tempo.

Al rinnovo dei poteri cantonali, nel febbraio dello scorso anno, Garcia è riuscita a conservare il suo seggio. Grazie anche al suo risultato, la “maggioranza climatica” – Verdi-liberali, Verdi, Partito socialista, sinistra alternativa e Partito evangelico – è riuscita d’un soffio a mantenere la maggioranza in Gran Consiglio. Ha ottenuto infatti 91 seggi, contro gli 89 andati ai partiti borghesi (UDC, PLR, Centro, UDF).

Con il passaggio di Garcia al PLR, i rapporti di forza sono ora in perfetto equilibrio. Tuttavia, qualora un membro della “maggioranza climatica” dovesse assumere la presidenza del legislativo, l’alleanza per il clima si troverebbe con soli 89 voti, dato che il presidente non può partecipare alle votazioni.

Attualità

adesivi che indicano direzioni in tedesco e ucraino

Altri sviluppi

Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi

Questo contenuto è stato pubblicato al Due mozioni parlamentari chiedono che le condizioni e le regole riguardanti lo statuto di protezione S concesso alle rifugiate e ai rifugiati ucraini vengano inasprite per evitare abusi.

Di più Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi
bandiera svizzera

Altri sviluppi

Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli economisti di UBS, la Svizzera presenta una vulnerabilità superiore alla media agli shock geopolitici, ma nel contempo il Paese ha imparato anche a far fronte ai relativi rischi.

Di più Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici
confezioni di cereali

Altri sviluppi

Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé

Questo contenuto è stato pubblicato al Public Eye ha chiesto alla Segreteria di Stato dell'economia (Seco) di trascinare davanti alla giustizia Nestlé, rea secondo l'organizzazione non governativa di vendere prodotti per l'infanzia con zucchero aggiunto nei Paesi a basso reddito.

Di più Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé
Thomas Aeschi

Altri sviluppi

Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il consigliere nazionale e presidente del gruppo parlamentare dell'Unione democratica di centro, Thomas Aeschi, si è azzuffato mercoledì mattina con agenti di polizia armati, di guardia a Palazzo federale.

Di più Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale
Françoise Hardy

Altri sviluppi

È morta Françoise Hardy

Questo contenuto è stato pubblicato al La cantante e attrice francese, icona degli anni Sessanta, è morta martedì all'età di 80 anni.

Di più È morta Françoise Hardy
Hunter Biden

Altri sviluppi

Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco

Questo contenuto è stato pubblicato al Un tribunale del Delaware ha condannato il figlio del presidente statunitense per aver violato le leggi che vietano alle persone con una dipendenza da droghe illegale di possedere armi da fuoco. La pena massima è di 25 anni di prigione, ma essendo incensurato è probabile che non finirà dietro alle sbarre.

Di più Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco
emmanuel macron

Altri sviluppi

Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune

Questo contenuto è stato pubblicato al In vista delle elezioni anticipate convocate per il 30 giugno, il presidente francese ha invitato le forze repubblicane a lavorare assieme per contrastare l'avanzata dell'estrema destra, uscita vittoriosa dalle europee.

Di più Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR