La televisione svizzera per l’Italia

Cala il numero di fumatori in Svizzera

persona fuma una sigaretta elettronica
Le sigarette elettroniche sono particolarmente in voga tra i più giovani. Keystone / Melanie Duchene

Dopo essere rimasta stabile a lungo, la proporzione di persone che fumano è diminuita del 3% tra il 2017 e il 2022.

Stando alle cifre diffuse lunedì dall’Ufficio federale di statistica (UST), nel 2022 i consumatori e le consumatrici di prodotti di tabacco da combustione o riscaldato rappresentavano il 24% della popolazione dai 15 anni in su.

Secondo l’ultimo sondaggio di questo tipo condotto dall’UST nel 2017, la percentuale delle persone che inalano regolarmente tabacco è diminuita di 3 punti percentuali, dopo essere rimasta stabile per lungo tempo.

+ In Svizzera la lobby delle sigarette è particolarmente influente

Al contempo, secondo l’UST, i nuovi prodotti di nuova generazione o le sigarette elettroniche sono particolarmente popolari tra i più giovani, consumati nell’anno in rassegna dal 17% della popolazione di età compresa tra i 15 e i 24 anni.

L’indagine mette in luce anche tendenze diverse a lungo termine tra uomini e donne. Per gli uomini la quota di fumatori è diminuita dal 37% (del 1992) al 27% (del 2022) ed è calata in tutte le fasce di età. Per le donne, la quota si è ridotta dal 24% al 21% nel giro di tre decenni. La quota è scesa maggiormente tra le fumatrici di età compresa tra i 25 e i 44 anni (1992: 32%; 2022: 24%), mentre è aumentata tra le donne dai 65 anni in su.

Negli ultimi 30 anni il comportamento dei fumatori è molto cambiato, precisa l’UST. In particolare, è diminuito il numero di sigarette accese al giorno. Nel 1992, il 41% dei consumatori fumava 20 o più sigarette al giorno ed era quindi considerato un fumatore accanito. Da allora, tale quota si è più che dimezzata e nel 2022 si attestava al 18%.

Attualità

Container al porto fluviale di Basilea.

Altri sviluppi

Ripresa del commercio estero svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo un inizio d'anno poco dinamico le esportazioni sono tornate a crescere con vigore nel secondo trimestre.

Di più Ripresa del commercio estero svizzero
Il Tribunale penale federale a Bellinzona.

Altri sviluppi

Algerino rinviato a giudizio per terrorismo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Procura federale il presunto militante dello Stato Islamico (ISIS), la cui domanda d'asilo in Svizzera era stata respinta, progettava un attentato in Francia.

Di più Algerino rinviato a giudizio per terrorismo
Traffico veicolare in una città svizzera.

Altri sviluppi

Radar anti-rumore a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha testato lo scorso anno nella città di Calvino alcuni nuovi apparecchi, nell'ambito di un progetto pilota che ha lo scopo di sanzionare in modo più efficace il rumore eccessivo sulle strade.

Di più Radar anti-rumore a Ginevra
prigionieri di guerra salgono su un bus.

Altri sviluppi

Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

Questo contenuto è stato pubblicato al Russia e Ucraina hanno liberato 95 prigionieri di guerra a testa, a meno di un mese dal precedente scambio.

Di più Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev
La capsula Sarco per l'eutanasia assistita.

Altri sviluppi

Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno

Questo contenuto è stato pubblicato al Una nuova associazione di aiuto al suicidio, The Last Resort, ha presentato ufficialmente oggi la capsula per suicidio Sarco. Ma polemiche e dubbi non mancano.

Di più Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno
Veduta del piccolo villaggio di Chaux-du-Milieu

Altri sviluppi

“Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu

Questo contenuto è stato pubblicato al Il piccolo comune neocastellano ha deciso di porre un freno all'arrivo di nuove famiglie sul suo territorio poiché la presenza di molti bambini e bambine sta creando insolubili problemi alle casse pubbliche.

Di più “Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu
Area Schengen in un aeroporto UE.

Altri sviluppi

Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La dotazione globale del fondo per il presidio dei confini UE è di 6,2 miliardi di euro, di cui una cinquantina torneranno nella Confederazione per l'implementazione dei nuovi sistemi di informazione e scambio dati.

Di più Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR