Navigation

Le spese legate alla pandemia vanno nel preventivo ordinario

Palazzo federale a Berna, sede dei due rami del parlamento. Keystone / Anthony Anex

Le discussioni sul preventivo 2021 della Confederazione sono state segnate dalla pandemia. La commissione delle finanze del Consiglio nazionale ha stabilito che le spese legate alla crisi non devono essere considerate straordinarie. Come proposto dal Consiglio federale, dovrebbero essere incluse, se possibile, nel preventivo ordinario.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 novembre 2020 - 21:17

Il supplemento di 3,15 miliardi di franchi chiesto dal Consiglio federale per fronteggiare la pandemia è stato approvato senza modifiche. Di questa cifra, l'importo di 2,2 miliardi di franchi è destinato alle indennità di perdita di guadagno Covid estese dal Parlamento in autunno.

La Commissione si è inoltre detta soddisfatta che l'assicurazione contro la disoccupazione disponga di fondi sufficienti e ha accolto con favore la decisione del Governo di chiedere un nuovo contributo in caso di sovraindebitamento nel 2021.

Sulle altre voci del preventivo 2021 della Confederazione, ecco il servizio del telegiornale:

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/fra con RSI


Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.