Navigation

Brexit, la Svizzera osserva

L'esito del referendum potrà influenzare i già difficili rapporti tra Berna e Bruxelles, che cercano una soluzione al "9 febbraio"

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 giugno 2016 - 20:21

Giovedì prossimo nel Regno Unito si vota sulla permanenza nell'Unione europea. Una consultazione che che la Svizzera segue con particolare interesse.

L'esito del referendum potrà infatti influenzare il futuro dei già difficili rapporti tra Berna e Bruxelles, che da due anni e mezzo cercano di trovare una soluzione all'applicazione dell'iniziativa "Contro l'immigrazione di massa" -approvata il 9 febbraio 2014- che non mettà a repentaglio gli acccordi bilaterali.

I colloqui sono stati congelati sino al referendum britannico.

Brexit, un'espressione che irrompe a Palazzo federale. I politici svizzeri attendono con certo interesse e anche con una certa trepidazione l'esito del referendum nel Regno Unito. Da Londra potrebbe forse arrivare un segnale affinché Svizzera e Unione europea tornino al tavolo delle trattative congelate dopo il voto del 9 febbraio.

La consigliera nazionale Kathy Riklin, che fa parte della Commissione di politica estera, spera che i sudditi di sua maestà non girino le spalle a Bruxelles.

Non c'è nessun caos da temere, invece, per il consigliere nazionale dell'UDC Luzi Stamm. Anzi ci sarebbe un vantaggio per la Svizzera se a vincere fosse la Brexit.

Niente affatto, replica Tim Guldimnann, consigliere nazionale socialista ed ex-diplomatico di lungo corso. Guldimann teme le conseguenze sul piano europeo di un divorzio tra Londra e Bruxelles.

Luzi Stamm e tutta l'UDC sono convinti che un Regno Unito al di fuori dell'Unione europea possa diventare un prezioso alleato della Svizzera, e questo anche per ricercare una soluzione al problema della limitazione dell'immigrazione.

[nel servizio, video sopra, le interviste]

Brexit sì, Brexit no: tra pochi giorni la Svizzera saprà se l'intesa con Bruxelles sarà un po' meno difficile oppure ancora più complicata.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.