Navigation

Brexit, "conseguenze sull'economia elvetica"

Il presidente della Confederazione Schneider-Ammann preoccupato per i futuri negoziati con l'Ue sulla libera circolazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 giugno 2016 - 13:37

"I negoziati tra Berna e Bruxelles saranno più difficili e la Brexit avrà un impatto negativo sull'economia elvetica": così il presidente della Confederazione Johann Schneider-Ammann durante la conferenza stampa tenutasi venerdì mattina per illustrare la posizione della Svizzera sulla decisione del popolo britannico di abbandonare l'Unione Europea.

Il Consiglio Federale ha preso atto di questa "decisione sovrana", ha dichiarato Schneider-Ammann, aggiungendo che le relazioni – "si spera strette" – tra Svizzera e Regno Unito dovrebbero ritrovare delle nuove basi durante i prossimi due anni, vista l'importanza della loro intensa collaborazione economica.

La scelta britannica avrà però un forte impatto soprattutto sui negoziati per l'applicazione dell'iniziativa sull'immigrazione di massa: "È chiaro che ora sarà ancora più arduo trovare una soluzione".

L'altra preoccupazione del Governo porta poi sulle finanze: il corso del franco, ha sottolineato il ministro dell'economia, sarà tenuto d'occhio con particolare attenzione e non vanno esclusi effetti sulla congiuntura del paese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.