Navigation

Asilanti, porte aperte in alcuni comuni

L'ondata di richiedenti l'asilo mette le autorità dei Comuni e dei Cantoni sotto pressione. Alcuni comuni, in controtendenza, accolgono i profughi e lo fanno cercando il dialogo con la popolazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 agosto 2015 - 20:27

Ci vogliono più centri d'accoglienza, ma le proteste popolari sono ormai scontate. La lettera di protesta del Governo lucernese, inviata al Consiglio federale è solo l'ultima di una serie di note critiche verso la situazione attuale. Ci sono però alcuni comuni che, in controtendenza, accolgono i profughi. Lo fanno cercando il dialogo con la popolazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.