Navigation

Armi, l'accordo Ue non piace agli svizzeri

L'intesa europea prevede che per possedere un'arma si debba essere membri di una società, allenarsi regolarmente e sostenere test psicologici e medici

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 giugno 2016 - 20:19

Ieri i Paesi dell'Unione europea hanno trovato un accordo per inasprire la normativa sulle armi da fuoco dopo gli attentati degli scorsi mesi a parigi e Bruxelles. Sono state però concesse delle deroghe alla Svizzera per ciò che riguarda la possibilità di custodire l'arma d'ordinanza a casa. Una soluzione che però non soddisfa i 130 mila membri delle società di tiro elvetiche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.