Navigation

"Serve un Natale di raccoglimento"

L'albero di Natale in Piazza Riforma di Lugano. Keystone / Alessandro Crinari

Appello del medico cantonale ticinese Giorgio Merlani che invita a seguire le indicazioni delle autorità: è cruciale rispettare le regole durante le festività.  Per gli esperti poi è importanze prestare sempre più attenzione ai problemi psichici causati dalla pandemia.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 dicembre 2020 - 15:04

"Il Ticino - ha spiegato il medico cantonale - ha il triste primato di avere una delle incidenze della malattia più alte della Svizzera. È dunque importante che le misure prese vengano osservate ancora meglio".

Nelle ultime 24 ore in Ticino sono stati registrati 255 nuovi casi, 31 le nuove ospedalizzazioni per un totale di 350 pazienti ricoverati. 7 i decessi. I dati nazionali non sono ancora stati pubblicati.

End of insertion

L’incidenza che abbiamo oggi, racconta ancora Giorgio Merlani non permette molte libertà: "Cerchiamo dunque di vivere il Natale nel suo significato più tradizionale del termine: come un momento di raccoglimento all'interno della famiglia, non è l’anno di festeggiarlo con grandi incontri e grandi movimenti".

"Non possiamo permetterci di incontrare persone fragili e portare il virus insieme ai regali", ha aggiunto il medico cantonale ticinese. La vaccinazione in Ticino, ha comunicato il medico cantonale, partirà dal 4 gennaio.

Merlani ha poi detto la sua sulla variante inglese del coronavirus. "È più efficacie nella trasmissione", ha detto. "Dobbiamo dunque essere ancora più prudenti nei contatti", ha aggiunto.

Task force psicologica

Maria Chiara Ferrazzo Arcidiacono, coordinatrice della task force psicologica COVID-19, si è espressa sul legame tra il coronavirus e la salute mentale. Per Arcidiacono, bisogna prestare attenzione ai campanelli d’allarme. Questi comprendono disturbi del sonno, nervosismo crescete, ansia, difficoltà di concentrazione e memoria, iperallerta costante.

Le conseguenze psicologiche riguardano “cambiamenti nei comportamenti abituali, come l’aumento del consumo di alcol, dipendenze da internet o shopping compulsivo”, ha spiegato Arcidiacono.

La taskforce psicologica ha messo a disposizione una hotline, che ha al momento ricevuto 32 chiamate. “Si tratta di un numero abbastanza esiguo, anche rispetto alla prima ondata”, ha commentato Maria Chiara Ferrazzo Arcidiacono. “Forse questo servizio non è abbastanza conosciuto”.

Il servizio del telegiornale:

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/fra con RSI


Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.