La televisione svizzera per l’Italia

Alle urne per i lavori sulle autostrade, “abbiamo buoni argomenti”

Luci del traffico sulle tratte A1 e A6.
Luci del traffico sulle tratte A1 e A6. KEYSTONE/© KEYSTONE / CHRISTIAN BEUTLER

Il direttore dell'Ufficio federale delle strade (USTRA) non teme l'iniziativa popolare contro l'ampliamento di alcune arterie e ricorda che le autostrade servono affinché il traffico eviti di attraversare paesi e città.

Il direttore dell’Ufficio federale delle strade (USTRACollegamento esterno) Jürg Röthlisberger è fiducioso in vista della votazione sul progetto di ampliamento della rete autostradale. “Abbiamo buoni argomenti dalla nostra parte”, ha dichiarato oggi al programma “Samstagsrundschau” della radio svizzerotedesca SRF.

Secondo Röthlisberger, l’estensione dei sei tratti interessati, dal costo di 5,3 miliardi di franchi, è necessaria per due motivi, ossia garantire la funzionalità di queste strade e assicurare la manutenzione anche in futuro.

Le autostrade, ricorda il numero uno dell’USTRA, agiscono da bypass in favore di paesi e città. Tuttavia, tale compito è compromesso dai numerosi ingorghi sull’Altopiano. Pertanto sono necessari “ampliamenti selettivi”.

Stando all’USTRA, le finestre di lavoro notturno disponibili per la manutenzione della rete si sono ridotte di un quarto d’ora all’anno. Questo è un altro motivo a favore dell’estensione, sottolinea Röthlisberger, che aggiunge come tutti, compresi i ciclisti nei villaggi, beneficino di autostrade funzionanti.

Il progetto è stato approvato dal Parlamento nel settembre del 2023. Fra le altre cose, è previsto che l’A1 fra Berna-Wankdorf e Schönbühl, nel Canton Berna, passi da sei a otto corsie. Un referendum è però stato lanciato dall’alleanza “Stop alla follia autostradale”, che lo scorso gennaio ha depositato le firme necessarie. L’ultima parola spetterà quindi al popolo, che verrà chiamato alle urne sul tema probabilmente in autunno.

Attualità

Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos
Il monte Fuji e in primo piano il supermercato della catena nipponica.

Altri sviluppi

Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero

Questo contenuto è stato pubblicato al Una cittadina presa d'assalto per la sua vista sul Monte Fuji non ha optato per una tassa ma a pensato a qualcosa di parecchio diverso.

Di più Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero
Un'immagine virtuale di un robot.

Altri sviluppi

Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio dell'Unione europea ha dato il via libera all'AI Act, ovvero alla legge europea sull'intelligenza artificiale che disciplina lo sviluppo, l'immissione sul mercato e l'uso dei sistemi di intelligenza artificiale nell'UE

Di più Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale
L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR