Navigation

Allarme terrorismo a Ginevra

Le forze dell'ordine alzano il grado di allerta. Ricerche di possibili terroristi nella regione

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 dicembre 2015 - 21:00

La polizia ginevrina ha alzato il livello di allerta e rinforzato la sua presenza nelle strade, nelle piazze, all'aeroporto e presso le sedi della organizzazioni internazionali in seguito a una segnalazione della Confederazione nel quadro delle indagini sugli attentati che hanno causato 130 morti il 13 novembre a Parigi.

"Siamo passati da una minaccia generica a una precisa", ha fatto sapere Emmanuelle Lo Verso, responsabile della comunicazione del Dipartimento della sicurezza e dell'economia. Dei sospetti terroristi, che non avrebbero un legame diretto con gli attacchi in Francia, sono attivamente ricercati: si troverebbero in città o nella regione. Le indagini sono condotte in stretto contatto con i servizi nazionali e internazionali.

Fin qui quanto comunicato ufficialmente dalle forze dell'ordine. Secondo la Tribune de Genève, notizie queste ultime non confermate, i ricercati sarebbero sei, quattro simpatizzanti dell'autoproclamato Stato islamico e i due occupanti di un veicolo con targhe belghe, entrato in Svizzera nella notte fra martedì e mercoledì e poi avvistato più volte nelle strade ginevrine. Giovedì sarebbe stata messa in guardia la comunità ebraica. L'allarme non ha portato finora alla cancellazione di eventi, ma pattuglie supplementari accompagneranno domenica lo svolgimento del corteo dell'Escalade, al quale partecipano 800 persone in costumi d'epoca che sfilano davanti a migliaia di spettatori.

bin/pon/Red MM

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.