Navigation

Allarme bomba... passionale

Alla falsa segnalazione sono seguiti controlli rafforzati all'aeroporto keystone

L'allerta rientra a Cointrin. Una donna aveva segnalato un ordigno per impedire al marito di partire

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 luglio 2016 - 16:27

Una vicenda coniugale è stata all'origine del falso allarme a cui è seguito oggi, mercoledì, un rafforzamento del dispositivo di sicurezza, con controlli sistematici, all'aeroporto di Ginevra.

Una donna residente nella località di Annecy, in Francia, aveva telefonato anonimamente alle dogane aeroportuali, evocando la presenza di una persona con una bomba nel settore francese dello scalo di Cointrin. Dopo l'identificazione del numero, la polizia ha rintracciato la donna, che ha poi ammesso di aver fatto la chiamata per impedire al marito di partire.

Il Ministero pubblico cantonale ha illustrato i fatti nel primo pomeriggio, annunciando che le autorità giudiziarie di Svizzera e Francia si coordineranno in funzione della procedura penale a carico di questa persona, resasi responsabile di "minacce allarmanti la popolazione".

La polizia ginevrina ha intanto reso noto che il dispositivo di sicurezza eccezionale, organizzato in mattinata all'aeroporto, sarà di conseguenza progressivamente rimosso.

RSI/NEWSLink esterno/Red.MM/ARi

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.