Aiuto umanitario e sociale Catena della solidarietà da record in Svizzera

Signora a una scrivania con computer portatile e cuffie-microfono; loghi Catena della solidarietà

Una volontaria raccoglie le promesse di versamento.

Keystone / Martial Trezzini

La Catena della solidarietà ha raccolto nel 2020 oltre 43 milioni di franchi nell'ambito della sua campagna 'Coronavirus in Svizzera'. Per la fondazione, che sostiene progetti umanitari e sociali per le popolazioni colpite da catastrofi o crisi in patria e all'estero, si tratta della più cospicua raccolta fondi a favore dell'aiuto nella stessa Confederazione in quindici anni.

Finora, sono stati attribuiti 36,1 milioni di franchi a persone duramente colpite dalle conseguenze della crisi sanitaria e 4,5 milioni ad altri aiuti in Svizzera.

Resta però saldo l'impegno all'estero. Nel corso del 2020, l'organizzazione ha raccolto in tutto 64,5 milioni di franchi e sostenuto oltre 400 progetti attuati da organizzazioni umanitarie partner all'estero -ad esempio in Libano- e da associazioni elvetiche.

Partner delle raccolte fondi sono la Società svizzera di radiotelevisione SSR, alcuni media privati e Swisscom.

Nel 2005, anno record per una campagna destinata all'aiuto in Svizzera, erano stati donati 50 milioni di franchi per le vittime del maltempo. Complessivamente, dal 1946, la Catena della Solidarietà ha fatto confluire verso progetti umanitari e sociali oltre 1,8 miliardi.

Nel servizio RSI, una carrellata sui progetti sostenuti dalla Catena.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 04.02.2021)

Parole chiave