Aiuti statali Crediti Covid, arrestati presunti autori di una truffa da 1,5 milioni

Pattuglia a Lugano

Le tre società dei due imprenditori finiti in manette hanno sede a Lugano.

Keystone / Pablo Gianinazzi

Due imprenditori italiani sono stati arrestati per truffa in Ticino. Avrebbero alterato i bilanci delle loro società con sede a Lugano per percepire indebitamente crediti Covid più sostanziosi.

L'indagine è scattata dopo la segnalazione di una banca. La cifra percepita indebitamente si aggira attorno al milione e mezzo di franchi, finito in buona parte in una società svizzera attiva nel settore petrolifero. I due, ora in detenzione preventiva, volevano partecipare in un lucroso affare.

La somma è stata raccolta in diverse tappe nel corso della seconda metà del 2020 per mezzo di tre società con sede a Lugano appartenenti ai presunti truffatori, che hanno parzialmente ammesso i fatti. Si sospetta che ne abbiano alterato i bilanci per aumentare l'entità dei prestiti (fissati al 10% della cifra d'affari).

Due altre persone sono sotto inchiesta sono ancora in libertà.

Si tratta della più grande truffa legata al Covid scoperta in Ticino. Finora la più clamorosa ammontava a 660'000 franchi percepiti indebitamente.

Una trentina gli altri casi attualmente sul tavolo del ministero pubblico. In media si parla di due indagati per incarto, e di importi che si aggirano attorno ai 200'000 franchi.


tvsvizzera.it/Zz con RSI TG del (26.01.2021)

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.


Parole chiave