Navigation

Adeline, una morte che ha segnato gli svizzeri

La terapeuta ammazzata tre anni fa a Bellevue, nel canton Ginevra, dal detenuto con cui si era recata in un centro equestre nell’ambito di un uscita volta a favorire il suo reinserimento

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2016 - 20:18

La morte di Adeline ha provocato un'ondata di shock in Svizzera. Uno degli elementi che più ha fatto discutere è stato quello del segreto medico nei riguardi dei detenuti.

Molti Cantoni hanno preso misure per allentare le leggi in materia con l'obiettivo di migliorare la collaborazione tra terapisti e autorità. Il dibattito è ancora vivo in romandia: venerdì sarà sui tavoli del parlamento friburghese, mentre a Ginevra i medici hanno lanciato un'iniziativa per combattere le nuove disposizioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.