La televisione svizzera per l’Italia

Abusi, nessun’indagine nella Chiesa evangelica

Il Sinodo evangelico tenutosi a Neuchãtel.
Nessuno studio a livello nazionale sugli abusi sessuali nella Chiesa riformata. Keystone / Anthony Anex

L'assemblea della Chiesa riformata boccia la proposta di accertamenti su possibili reati di natura sessuale. La Diocesi di Sion ammette "gli errori del passato".

Il Sinodo della Chiesa evangelica riformata in Svizzera (CERiS), riunitosi a Neuchâtel da domenica a martedì, ha respinto l’idea di un’indagine a livello nazionale in relazione agli abusi sessuali commessi al suo interno e dai suoi membri.

Il Consiglio dell’organizzazione protestante, che avrebbe voluto condurre uno studio indipendente su 20’000 persone residenti in Svizzera, si rammarica di questa situazione.

Altri sviluppi

Altri sviluppi

Misure per combattere gli abusi nella Chiesa cattolica

Questo contenuto è stato pubblicato al In futuro, le vittime di abusi sessuali in seno alla Chiesa dovranno ricevere ovunque consulenza professionale e indipendente, i colpevoli dovranno essere giudicati e si dovranno ridurre al minimo i rischi di ulteriori abusi a tutti i livelli istituzionali.

Di più Misure per combattere gli abusi nella Chiesa cattolica

L’obiettivo dell’organo esecutivo della CERiS era infatti quello di ottenere informazioni affidabili per determinare la portata del fenomeno che non ha risparmiato neanche la Chiesa evangelica.

Aiuto alle vittime

In ogni caso il Consiglio, che si è battuto invano per un’inchiesta in tal senso, ha fatto sapere in una nota che “si impegna nei confronti delle persone colpite, indipendentemente dal fatto che ci sia o meno uno studio” tra la popolazione.

“Stiamo istituendo un servizio di segnalazione esterno – ha dichiarato Rita Famos, presidente del CERiS – e lavoreremo con il gruppo di lavoro interno per sviluppare ulteriori misure per individuare e prevenire gli abusi sessuali”.

Secondo la radio regionale RTN, molti membri del Sinodo non erano convinti della necessità di effettuare approfondimenti sulla spinosa questione. Su questo tema è stata invece accettata la proposta di un emendamento che impone al Consiglio del CERiS di rivolgersi alla Confederazione per richiedere un’indagine su larga scala.

La Diocesi di Sion ammette gli “errori”

Sempre martedì la Diocesi di Sion ha presentato i risultati di un’inchiesta indipendente relativa agli abusi sessuali che evidenzia lacune nei confronti delle vittime. La Chiesa cattolica vallesana si è detta consapevole degli errori del passato e ha annunciato un piano d’azione.

Contenuto esterno

“Le persone ascoltate hanno ritenuto che l’accoglienza fosse intimidatoria, confusa, poco incoraggiante, laboriosa o addirittura sfuggente”, ha indicato Stéphane Haefliger di Vicario Consulting, la società che ha condotto lo studio. A questa inadeguatezza del primo contatto con un membro della Chiesa si aggiunge l”inerzia istituzionale nel trattare i casi e la mancanza di proattività”.

Il rapporto si basa su audizioni a una ventina di vittime e sull’analisi di una quindicina di dossier provenienti dagli archivi segreti della diocesi. La società di revisione ha raccomandato alla diocesi ad avere un maggiore spirito umanitario nella gestione di queste vicende e a migliorare la comunicazione.

Il rapporto, commissionato il primo novembre dello scorso anno alla Vicario Consulting aveva quale obiettivo di stabilire chi, all’interno della diocesi di Sion, fosse responsabile delle disfunzioni legate all’accoglienza delle vittime e al trattamento degli abusi negli ultimi decenni.

Attualità

presa elettrica

Altri sviluppi

Prodotti elettrici: quasi un quarto è difettoso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il 23% degli articoli elettrici controllati nel 2023 dall'Ispettorato federale degli impianti a corrente forte ESTI presentava difetti di maggiore o minore entità.

Di più Prodotti elettrici: quasi un quarto è difettoso
L'auto è da rottamare.

Altri sviluppi

Intrappolato nell’auto, un bimbo si salva per miracolo nel canton Argovia

Questo contenuto è stato pubblicato al Domenica mattina nel territorio di Urnäsch (canton Argovia), un bimbo di 3 anni è rimasto intrappolato nell'automobile dei genitori finita in una scarpata per una sessantina di metri. A parte qualche taglio, il bambino è rimasto praticamente illeso.

Di più Intrappolato nell’auto, un bimbo si salva per miracolo nel canton Argovia
quadri

Altri sviluppi

Sindaca di Zurigo: “Avremmo dovuto reagire prima” sulla collezione Bührle

Questo contenuto è stato pubblicato al La sindaca di Zurigo Corine Mauch critica con il senno di poi la mancanza di una visione critica sulle opere della collezione Bührle. "Avremmo dovuto reagire prima", afferma la politica del PS in un'intervista a CH Media.

Di più Sindaca di Zurigo: “Avremmo dovuto reagire prima” sulla collezione Bührle
Shannen Doherty

Altri sviluppi

Addio Brenda!

Questo contenuto è stato pubblicato al Shannen Doherty, star di Beverly Hills 90210, è morta all'età di 53 anni dopo una lunga battaglia contro il cancro. Lo annuncia il magazine People.

Di più Addio Brenda!

Altri sviluppi

Swatch, cifre in calo nel primo semestre

Questo contenuto è stato pubblicato al Primo semestre dell'anno molto difficile per Swatch. Dopo la buona performance del 2023, la domanda di orologi si è indebolita, soprattutto in Cina, e il crollo si è fatto sentire anche nel settore della produzione.

Di più Swatch, cifre in calo nel primo semestre
L'ex presidente è stato colpito di striscio a un orecchio.

Altri sviluppi

Attentato a Trump, le reazioni della politica svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al In seguito all'attentato a Donald Trump avvenuto nel corso di un comizio e nel quale l'ex presidente statunitense è stato leggermente ferito a un orecchio, la politica elvetica ha reagito. La presidente Viola Amherd si è detta "scioccata".

Di più Attentato a Trump, le reazioni della politica svizzera
trump dopo la sparatoria

Altri sviluppi

Pugno alzato, sangue sul volto: la foto di Donald Trump diventa iconica

Questo contenuto è stato pubblicato al Pugno alzato, rivolo di sangue sul volto, la bandiera degli Stati Uniti dietro di lui e il cielo azzurro della Pennsylvania sullo sfondo. E' già diventata iconica la fotografia condivisa su 'X' dal figlio dell'ex presidente americano, Donald Trump Jr.

Di più Pugno alzato, sangue sul volto: la foto di Donald Trump diventa iconica

Altri sviluppi

Albert Rösti si oppone all’evacuazione delle persone che vivono nelle valli

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Ministro dell'ambiente Albert Rösti è contrario al trasferimento delle persone che vivono nelle valli alpine a causa del maltempo. "Ciò equivarrebbe a privarli del loro ambiente abituale senza sapere quando e dove si verificherà la prossima catastrofe", afferma.

Di più Albert Rösti si oppone all’evacuazione delle persone che vivono nelle valli

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR