Navigation

Abolizione del canone RTV, si vota

Il comitato promotore ha consegnato alla Cancelleria federale 104 mila firme; se l'iniziativa passa, concessioni revocate senza indennizzo

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 dicembre 2015 - 21:56

Il popolo sarà probabilmente chiamato a votare sull'iniziativa denominata 'Sì all'abolizione del canone radiotelevisivo'. Venerdì pomeriggio, il comitato promotore ha consegnato poco più di 104 mila firme alla Cancelleria federale.

Il testo, lanciato dall'Associazione No Billag*, prevede che la Confederazione non possa riscuotere canoni, né sovvenzionare o gestire emittenti radiofoniche o televisive. Se l'iniziativa venisse approvata, le attuali concessioni con partecipazione al canone saranno revocate senza indennizzo.

Sempre venerdì, la Commissione federale dei media ha difeso il ruolo della SSR, Società svizzera di radiotelevisione: il servizio pubblico, afferma un documento, ha il suo posto in Svizzera e il suo modello di finanziamento è adeguato.

*Billag è il nome della società incaricata della riscossione del canone

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.