Navigation

A caccia dei gamberi 'killer'

Non si sa ancora come questo gambero originario della Luisiana sia arrivato in Ticino. tvsvizzera

La presenza nel laghetto d’Origlio, vicino a Lugano, del gambero della Louisiana, specie esotica che infesta lo specchio d’acqua ormai da alcuni anni, continua a minacciarne la biodiversità.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 agosto 2021 - 08:57
tvsvizzera.it/fra

Impossibile determinare come sia sbarcato in Ticino, ma è certo che dietro al suo arrivo ci sia l'uomo. Nel 2013 qualcuno ne ha liberati alcuni esemplari contravvenendo alla legge, forse dopo essersi accorto che cucinati non sono affatto prelibati, e da quel momento si sono moltiplicati a dismisura.

Un fenomeno che si cerca però di combattere, spiega la biologa Nicole Santi: "Ieri sono stata qui al laghetto di Origlio per posare le nasse per poter catturare il gambero della Louisiana".

Una strategia che permette di catturare fino a 140 gamberi al giorno. "Con la tecnica delle nasse quello che facciamo è posarne 20, sono delle trappole, e all'interno mettiamo un attrattore alimentare per attirarli. I gamberi una volta entrati non possono più uscire", racconta l'esperta.

"La situazione è sotto controllo - secondo Mirko Zanini, responsabile del coordinamento dei gamberi in Ticino  - la specie esotica è confinata al laghetto di Origlio e al suo emissario, i contenimenti che stiamo facendo permettono di evitare che colonizzi nuovi corsi d'acqua".

Secondo i biologi, eliminare la specie dal lago di Origlio è un'impresa ormai impossibile. Nel caso venissero avvistati altrove, l'invito è quello di segnalarli all'ufficio caccia e pesca cantonale.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.