Navigation

9 febbraio, in cerca di una strategia

L'iniziativa 'contro l'immigrazione di massa' è stata approvata un anno fa, ma la sua applicazione pare ancora difficile; intanto il mondo accademico traccia il suo bilancio

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 febbraio 2015 - 21:42

Il 9 febbraio 2014 condiziona tuttora il mondo politico svizzero. Sono passati 12 mesi da quando popolo e cantoni hanno accolto l'iniziativa 'contro l'immigrazione di massa' e la sua concretizzazione sembra ancora difficilissima. A ostacoli interni, si aggiunge uno stallo nelle discussioni con l'Unione europea. Fino ad oggi una proposta per applicare il testo manca.

Intanto, il mondo accademico svizzero -che un anno fa era in prima fila contro il risultato uscito dalle urne, preoccupato soprattutto di perdere i fondi europei alla ricerca- traccia il primo suo bliancio. Siamo andati sentire quali sono state le reali conseguenze del voto per due importanti atenei romandi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.