Navigation

"Necessario un nuovo dialogo fra Svizzera ed Eritrea"

Lo dice la consigliera di Stato ecologista Susanne Hochuli dopo la visita nel paese africano

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 febbraio 2016 - 21:01

"L'Eritrea non è certo una democrazia, ma è esagerato parlare i una Corea del Nord africana". Questa l'opinione della consigliera di Stato ecologista Susanne Hochuli che ha partecipato al viaggio nel paese africano con altri politici, tra cui l'UDC Thomas Aeschi, di cui ha confermato l'opinione espressa negli scorsi giorni.

La deputata chiede al Consiglio federale di riallacciare i contatti con il paese, inviare una delegazione ufficiale e stabilire una presenza dipomatica permanente.

Hochuli ha ammesso di non aver potuto visitare le prigioni, ma che l'obbiettivo del viaggio non era quello di verificare il rispetto dei diritti umani, compito che spetta all'Ufficio federale della migrazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.