Navigation

"Il cambio non si tocca"

Per la Banca Nazionale Svizzera la rinuncia al cambio minimo con l’euro non ha avuto effetti imprevisti

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 giugno 2015 - 13:13

La moneta elvetica resta nettamente sopravvalutata nei confronti delle altre valute, euro e dollaro in primis. Per la Banca Nazionale Svizzera la politica dei tassi negativi introdotta 6 mesi fa sta però iniziando a dare i suoi frutti e, proprio per questa ragione, la BNS non intende modificare la propria politica monetaria, almeno per il momento.

In particolare, per i prossimi mesi la BNS si attende che la ripresa della congiuntura mondiale tornerà a rafforzare la domanda di prodotti elvetici e ciò dovrebbe attutire un po' gli effetti del rafforzamento del franco, secondo Thomas Jordan, presidente della direzione Thomas Jordan.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.