Navigation

"9 febbraio", l'Ue resta scettica

Precedenza agli indigeni, scarsa comprensione reuters

L'applicazione "light" dell'iniziativa 'Contro l'immigrazione di massa' non convince i giuristi dell’Unione: contraddice i trattati

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 ottobre 2016 - 16:04

I giuristi dell'Unione europea manifestano scetticismo sulla scelta del Parlamento svizzero di privilegiare un'applicazione "light" dell'iniziativa UDC sull'immigrazione di massa, adottata nel 2014.

L'opposizione di Bruxelles emerge in documenti confidenziali dell'Ue che i giornalisti di SRF hanno potuto visionare. La possibilità di introdurre una precedenza alla manodopera indigena contraddice il trattato sulla libera circolazione tra Berna e Bruxelles.

L'UE elenca in un documento i punti in cui le modifiche che si vorrebbero adottare a Berna violano l'attuale trattato.

RedMM/mas

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.