una tradizione contestata Proteste in Corea contro la mattanza dei cani


Il consumo di carne di cane è pratica corrente in Corea del Sud dove esistono allevamenti e una vera e propria filiera produttiva per questo "alimento".

Ma anche a queste latitudini qualcosa si sta muovendo e aumentano le proteste contro una discutibile tradizione che in molti paesi non sarebbe consentita e che per certi versi stride con il rapido sviluppo di un paese che sta conquistando il mondo con i suoi prodotti tecnologici e innovativi.

Lo testimoniano le dimostrazioni che si sono svolte in questi giorni nel centro di Seul dove gli animalisti hanno inscenato dure e macabre proteste. Anche se il consumo di carne di cane è in netta diminuzione, sono sempre oltre 2 milioni gli animali macellati ogni anno nel paese.

Ma fanno peggio altri paesi asiatici: secondo alcune fonti sarebbero 5 milioni i cani mangiati in Vietnam e addirittura 30 milioni quelli uccisi in Cina, dove peraltro stanno crescendo le resistenze verso questa sconcertante usanza.  

Parole chiave