Navigation

USA, marcia il Ku Klux Klan

Scontri in South Carolina per difendere la bandiera confederata, proibita dopo la strage razzista di Charleston

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 settembre 2015 - 15:47

La decisione del governo della South Carolina di rimuovere la cosiddetta bandiera confederata dalle sedi istituzionali dello Stato continua a dividere.

Sabato si sono registrati alcuni scontri dopo che 2'000 suprematisti bianchi hanno sfilato in difesa del contestato vessillo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.