Navigation

Missione scientifica senza precedenti al Polo Nord

È ormai tutto pronto per la più grande spedizione scientifica mai realizzata al Polo Nord. Alla missione contribuirà anche l'Istituto per lo studio delle nevi e delle valanghe di Davos.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 agosto 2019 - 20:52
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 19.08.2019)
Gli scienziati monitoreranno la zona in un raggio di 50 chilometri attorno alla Polarstern. Keystone / Mario Hoppmann - Alfred Wegener

Quali sono i processi e le variazioni stagionali di energia che influiscono sul sistema atmosfera-ghiaccio-oceano, che impatto hanno sulla massa di ghiaccio e in che modo questi cambiamenti agiscono in modo più globale sul clima e sugli ecosistemi? È questo – in estrema sintesi – il principale obiettivo della missione "MosaicLink esterno".

Da settembre e per un anno intero, circa 600 scienziati provenienti da 19 paesi parteciperanno (alternandosi) a quella che è stata definita la spedizione scientifica più importante mai realizzata nell'Artide, regione che subisce in modo più estremo i cambiamenti climatici in atto sulla Terra.

Il quartier generale della missione – diretta dall'istituto tedesco Alfred Wegener – è il rompighiaccio Polarstern. La nave percorrerà complessivamente 2'500 chilometri. Per diversi mesi resterà 'intrappolata' tra i ghiacci e gli scienziati monitoreranno la zona in un raggio di 50 chilometri attorno alla Polarstern.

Contenuto esterno


Le misurazioni verranno effettuate fino a un'altezza di 35'000 metri e a una profondità di 4'000 metri.

I ricercatori non dovranno solo affrontare il freddo, con temperatura fino a -45°C, ma prestare attenzione anche agli orsi. Per garantire la loro sicurezza, almeno sei persone saranno di vedetta per assicurarsi che non vi siano plantigradi nelle vicinanze.

Tra i 17 Stati partner del progetto vi è anche la Svizzera. Quattro scienziati dell'Istituto per lo studio delle nevi e delle valanghe di DavosLink esterno. Il loro compito sarà di effettuare delle misurazioni della neve, che rappresenta una "componente chiave nel bilancio energetico dei ghiacci marini".

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?