Navigation

Tutti contro l'accordo di libero scambio

Centinaia di migliaia di persone hanno manifestato in 7 città tedesche contro il trattato di liberalizzazione del commercio fra Europa e Stati Uniti

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 settembre 2016 - 20:17

Giornata di protesta nelle maggiori città tedesche. Alcune centinaia di migliaia di manifestanti hanno espresso la loro contrarietà al TTIP, l'accordo di libero scambio tra Unione europea e Stati Uniti. Un prossimo round negoziale è previsto per il mese prossimo, mentre fra pochi giorni si voterà l'accordo con il Canada.

Il TTIP vuole creare la più grande area di libero scambio al mondo, Unione europea e Stati Uniti, 820 milioni di abitanti e quasi la metà dell'intero PIL mondiale. Dall'apertura dei negoziati, tre anni fa, diverse organizzazioni, anche in Svizzera, si sono opposte all'accordo.

I contrari temono un livellamento verso il basso degli standard europei, soprattutto nei diritti dei consumatori, nelle norme ambientali, e nel settore agroalimentare. I governi, a eccezione della Francia che un paio di settimane fa ha fatto marcia indietro, assicurano invece che il TTIP porterà più crescita e occupazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.