Navigation

Turchia al voto

La vigilia è stata funestata da un attacco terroristico. E per i militanti curdi dietro agli attentati bomba ci sarebbe il presidente Erdogan

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 giugno 2015 - 21:18

In Turchia - domenica - quasi 54 milioni di cittadini sono chiamati alle urne per rinnovare il Parlamento. La vigilia è tesa è macchiata di sangue. Le esplosioni di venerdì al raduno del partito filocurdo - che per la prima volta si presenta alle elezioni - hanno scatenato proteste tra i militanti curdi. Secondo loro - dietro agli attacchi - si sarebbe il presidente Erdogan.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.