Navigation

Turchia, Erdogan annuncia lo stato di emergenza

Permetterà al governo di "scavalcare" il parlamento per l'approvazione di nuove leggi e di limitare o sospendere diritti e libertà dove ritenuto necessario

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 luglio 2016 - 12:46

La Turchia ha adottato lo stato d'emergenza, in vigore da oggi, giovedì, e per i prossimi 3 mesi.

Una misura annunciata in seguito al fallito colpo di stato di venerdì, mentre continua la repressione da parte del governo con arresti e licenziamenti.

La comunità internazionale invita a rispettare lo stato di diritto e Berna ha sospeso con Ankara le trattative per l'accordo di riammissione dei cittadini turchi che soggiornano illegalmente in Svizzera.

Il governo turco sta pure pensando di reintrodurre la pena di morte, che stando alle parole del presidente Erdogan, verrebbe utilizzata per punire i responsabili del tentato colpo di stato. L'occidente, preoccupato per la deriva autoritaria, teme che la misura possa colpire tutte le opposizioni. L'Unione Europea ha già detto in maniera chiara che nell'UE non c'è spazio per chi adotta la pena capitale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.